Alma Salerno, trasferta a Venafro.

0
135

Sabato 21 gennaio, con fischio d’inizio alle ore 15, l’Alma Salerno sarà di scena in Molise: farà visita al Venafro fanalino di coda del girone E di calcio a 5. «E’ una partita delicata», ammonisce il tecnico dei granata Nando Mainenti. Non lo dichiara per prudenza né per pretattica ma «perché – aggiunge l’allenatore salernitano – i nostri avversari non hanno nulla da perdere e l’Alma, invece, dovrà dimostrare di aver imparato la lezione». Mainenti fa riferimento al brutto epilogo dell’ultima sfida casalinga con l’Ortona, giocata sabato scorso al Pala Tulimieri: l’Alma guidava gara e risultato per 2-1 ma in meno di due minuti ha compromesso tutto, prestando il fianco alla rimonta e al sorpasso degli abruzzesi. Il ko casalingo ha avuto ripercussioni in classifica – l’Alma Salerno adesso è penultima in serie B di calcio a 5, in piena bagarre per evitare la retrocessione – ma l’allenatore auspica che la squadra sia in grado di reagire subito a Venafro.  «Adesso ogni partita è una finale – commenta Mainenti – il Venafro vuole schiodare lo zero in classifica ma dovremo impedirglielo e conquistare i tre punti con il giusto atteggiamento: basta superficialità, basti cali di concentrazione, ora in ballo c’è la salvezza e non possiamo permetterci altri passi falsi. Dobbiamo cercare il filotto che ci permetterebbe di ritrovarci subito a metà classifica ma innanzitutto dovremo fare i conti con noi stessi». L’assenza di squalificati e l’infermeria fortunatamente vuota impone scelte tecniche. Ogni settimana, il tecnico granata deve lasciare fuori distinta due calcettisti e stavolta è toccato a Giuseppe Peluso ed a Francesco Pacileo. «Peluso ha recuperato dall’infortunio ma ha svolto la prima settimana di lavoro con noi, dopo una lunga assenza. Ha messo benzina nelle gambe, sarà pronto ad utilizzarla dalla prossima partita – analizza Mainenti – Riguardo Pacileo, ho notato un po’ di stanchezza nelle ultime partite e gli ho concesso un turno di riposo perché ci serve al top, soprattutto in previsione del tour de force che ci attende nelle prossime settimane, compreso il recupero con il Pratola che potrebbe essere fissato l’1 febbraio».

LASCIA UN COMMENTO