Emergenza sangue, sabato 7 e domenica 8 raccolta straordinaria, l’appello dell’Avis.

0
667

Non c’è nessun motivo per non donare il sangue in questo momento particolare per la nostra Nazione.   Soprattutto in questi giorni c’è necessità della generosità di tutti  perché c’è un diffuso timore che porta le persone ad autoisolarsi con conseguente ed  ingiustificata diminuzione delle donazioni.  MA…. i malati che necessitano del sangue  non possono essere messi in “quarantena”:

*Il sangue è  indispensabile per affrontare le emergenze del pronto Soccorso, della Chirurgia d’Urgenza, delle Rianimazioni e delle Terapie intensive;

* È  indispensabile per affrontare una complicanza durante un intervento chirurgico o un parto difficile

* È  un supporto fondamentale per affrontare le terapie antitumorali

* È  indispensabile per i pazienti affetti da anemia cronica che periodicamente e per tutta la vita devono effettuare una trasfusione o come ad esempio succede ai pazienti microcitemici/talassemici.

La donazione: un atto semplice e sicuro  ( TUTTI I MATERIALI USATI SONO STERILI E MONOUSO )

Tutte le persone dai 18 ai 60 anni ( e fino 65 anni con ECG e visita cardiologica)  possono recarsi presso la nostra  Unità di raccolta fissa  ( Salerno via Pio XI N.1 il sabato e la domenica dalle ore 8.00 alle ore 10.30 ) o presso le unità mobili (autoemoteche : verificare sul sito dell’AVIS di Salerno i punti di raccolta )  muniti di un documento di riconoscimento. Dopo  l’esame  pre-donazione , ci sarà un colloquio privato con il medico che valuterà se, in base agli esami e alla storia clinica, si è idonei per donare il sangue. Per motivi precauzionali e per disposizione degli organi competenti, sono sospesi per 14 giorni  SOLO le persone che abbiano soggiornato nelle cosiddette zone rosse.  Si consiglia di astenersi dalla donazione se la temperatura corporea è pari o superiore a 37.5° C  o se si hanno sintomi  “simili all’influenza e/o raffreddore o tosse”.  Ma tutti gli altri possono tranquillamente donare. Tutta la procedura dura al massimo 30 minuti. Dopo la  donazione  ed un  adeguato ristoro ( caffè, cornetto, acqua, succo di frutta ) si può tornare alle normali attività quotidiane. Tutti i giorni i donatori possono tranquillamente recarsi nelle unità di Raccolta sul territorio e nei Servizi Trasfusionali degli Ospedali.

Nessun Rischio anzi una buona occasione per un check-up

Il sangue verrà approfonditamente analizzato per individuare possibili malattie che possono essere trasmesse al ricevente. I virus dell’epatite, B, C e HIV, la sifilide, lo stato funzionale del fegato, del rene, del metabolismo in generale, colesterolo ed i trigliceridi, fanno parte del pattern di esami effettuati sul sangue del donatore. A giudizio del medico, tutti gli esami del sangue possono essere effettuati, ad esempio il PSA per gli uomini adulti o gli esami tiroidei. I risultati saranno spediti per posta al domicilio del donatore. Con la visita e gli esami del sangue, la salute del donatore è periodicamente monitorata!! Nessun rischio per il donatore

Un gesto che fa la differenza

Donare il sangue, soprattutto in questi giorni, è una grande occasione per dimostrarsi sensibili e vicini a chi soffre. NON C’E NESSUN RISCHIO. NON LASCIATEVI SOPRAFFARE DALLA PAURA. Donare non significa solo aiutare un proprio parente o amico malato, ma è una scelta personale di apertura e solidarietà verso tutti gli altri, una dimostrazione di amore per la vita, una scelta che fa bene anche a se stessi. Cosa si può offrire di più del proprio sangue?  Cosa c’è di più prezioso?  Abbiamo bisogno, ora, della grande e tradizionale generosità di tutti. AIUTACI AD AIUTARE CHI NECESSITA DI QUESTO BENE INSOSTITUIBILE E NON PRODOTTO DALLE INDUSTRIE

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here