Campolongo, sindacati: rispettate procedure per tutela della salute.

0
390

dalla Uil-Fpl Campolongo Hospital riceviamo e pubblichiamo

Partiamo da una citazione “ l’uomo nella vita deve fare e non dire quello che pensa, nella sua azione deve trasparire quello che pensa. Questa è l’essenza della vita” , noi ci permettiamo di aggiungere, questa è l’essenza della nostra azione sindacale!

La Uil – Fpl al Campolongo Hospital, da sempre, ha messo in campo una politica sindacale, a rappresentanza del lavoratore, senza mai, confondere, la rappresentanza sindacale con quella teatrale.

Abbiamo sempre, con coscienza, perseguito scelte condivise, a tutela del lavoratore e dei livelli assistenziali.

Riteniamo, per onestà intellettuale, intervenire e far sentire la Nostra voce, in una vicenda, dove, forse troppa disinformazione è stata fatta, talvolta per mancanza di conoscenza della materia, talvolta per mero protagonismo, talvolta ancora per l’apparire a tutti i costi.

La vicenda dei 32 pazienti che da una casa di cura di Sala Consilina sono stati trasferiti al Campolongo Hospital, per indicazione dell’Asl, e nel rispetto di un accordo Ragionale, è una vicenda che va chiarita.

Non stiamo qui a ripetere il dramma che sta investendo il Servizio Sanitario Nazionale con gli ospedali pubblici al collasso, non stiamo qui a polemizzare con la politica che negli anni passati alla Sanità ha solo tolto, SIAMO QUI, consapevoli e responsabili nel prendere atto che “al fronte” ci siamo e bisogna combattere.

L’unico e fondamentale aspetto che a Noi interessa, è LA TUTELA, tutela degli operatori sanitari, sulla quale non indietreggeremo un millimetro e attenti vigileremo, tutela e rispetto di chi non per scelta, si trova a combattere un virus che ha messo in ginocchio il mondo intero. Ce lo impone la coscienza e ce lo ricorda l’Articolo 32 della Costituzione Italiana, “ la Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo…”

Come Segreteria Provinciale Uil Fpl, come Rsa del Campolongo Hospital, riteniamo fare chiarezza e riportare sulla strada della verità, la mala informazione, la quale non da onore e rispetto a chi la fa e offende chi la subisce.

Non da casa, col pollice sullo schermo di un telefonino, ma verificando sul campo e agendo in prima linea, ci siamo assicurati e rassicurati che la struttura Campolongo Hospital, avesse ottemperato a tutte le direttive dell’ Asl in merito alla prevenzione e alla messa in sicurezza dei lavoratori, abbiamo verificato tutti gli ausili di prevenzione, abbiamo preso visione dell’isolamento ambientale dell’area destinata al ricovero dei pazienti, abbiamo ( a distanza e protetti ) assistito all’arrivo delle ambulanze, alle manovre di accesso e alla tempestiva
sanificazione che veniva fatta; abbiamo chiesto alla Direzione Sanitaria e Generale della struttura, verso la quale non si nutre nessun dubbio sull’ottemperanza e osservanza delle norme di prevenzione e contenimento, di tenere sempre alta l’asticella dell’attenzione.

Abbiamo conosciuto le nuove figure professionali ( infettivologo) che da stamattina fanno parte dell’organico del Campolongo Hospital, tutto questo lo abbiamo fatto non per ricevere applausi o lodi, ma per rispetto ai lavoratori TUTTI, ai pazienti e ai loro familiari.

Come già scritto, ribadiamo che la Nostra azione volta alla TUTELA e al RISPETTO, rispetto della storia della Casa di Cura, rispetto alle professionalità che negli anni lo hanno reso un polo di eccellenza di interesse Nazionale; rispetto e tutela verso lavoratori e quanti si rivolgono al Campolongo Hospital per le cure.

Antonio Malangone                                           Felice Vocca
Segretario Provinciale Sanità Uil                        Fpl Segreteria Aziendale Campolongo Hospital

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here