Scafati, riesame accoglie ricorso della Procura su arresto di Aliberti, ora parola alla Cassazione.

0
629
funshopping.it è il marketplace dedicato ai piccoli commercianti

Il Tribunale del Riesame di Salerno ha disposto la custodia cautelare in carcere per il sindaco di Scafati, Pasquale Aliberti, accusato di violazione della legge elettorale, con l’aggravante del metodo mafioso, in occasione delle elezioni amministrative del 2013, e di voto di scambio politico-mafioso, in occasione delle elezioni regionali del 2015.

Il Riesame ha accolto il ricorso della Procura Antimafia di Salerno ma il primo cittadino di Scafati non andrà in carcere, come disposto dai giudici, perché prima dovrà pronunciarsi in merito la Corte di Cassazione alla quale Aliberti si rivolgerà.

Secondo il sostituto procuratore della DDA Vincenzo Montemurro, Aliberti avrebbe beneficiato dei voti della camorra non soltanto per l’ultima tornata amministrativa, ma anche per la precedente nel 2008, e poi per le provinciali del 2011.

Aliberti, sempre secondo gli inquirenti, avrebbe usato voti inquinati e controllati appoggiandosi ai clan che si sono alternati nel controllo del territorio. (ANSA)

 “Ho appreso pochi secondi fa la terribile decisione del Tribunale del Riesame. Grazie per la vicinanza di questi giorni. Preferisco chiudermi nel silenzio degli affetti familiari. Un abbraccio a tutti”, ha scritto su Facebook il sindaco.

 

compra mi piace facebook, follower instagram, follower tik tok, ed  aumenta la tua visibilità del 300% in soli 2 giorni

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here