Regionali, conferme per De Luca, Zaia, Toti ed Emiliano. Il centrodestra conquista Marche e Valle d’Aosta. La Toscana resta al Pd.

0
266
A polling official begins the counting of the ballots for the referendum vote in a polling station in Rome, Italy, 21 September 2020. Over 46 million Italians are called to vote for the constitutional referendum on the cut of parliamentarians, for the Senate Supplements, the Administrative Councils and the renewal of seven regional councils. ANSA/ANGELO CARCONI

Pericolo scampato per il governo. I risultati che si stanno profilando in Puglia, con la conferma di Michele Emiliano, e soprattutto in Toscana, con l’elezione di Eugenio Giani, allontanano il pericolo di un contraccolpo sull’Esecutivo e sul Pd. E blindano la maggioranza. A puntellarla c’è poi l’esito del Referendum, con la solida vittoria del Sì. Per le Regionali, si va verso un 3 a 3, con il centrosinistra che mantiene anche la Campania di Vincenzo De Luca e perde le Marche, dove è in vantaggio Francesco Acquaroli (Fdi). Mentre il centrodestra si conferma alla guida della Liguria, con Giovanni Toti, e del Veneto, con il leghista Luca Zaia.

Hanno festeggiato il segretario Pd, Nicola Zingaretti, e il M5s, che si è intestato la riduzione del numero dei parlamentari. Per non perdere la prima fila, il ministro Luigi Di Maio ha rilanciato: “Ora si taglino anche gli stipendi e si faccia una legge elettorale proporzionale”. Nel centrodestra c’è stato meno entusiasmo. Specie in casa Lega. Matteo Salvini sperava di “rifarsi” della sconfitta in Emilia Romagna, conquistando la Toscana con la “sua” Susanna Ceccardi. Un ribaltone nella regione da sempre rossa lo avrebbe rafforzato anche nella leadership del centrodestra, “insidiata” da Giorgia Meloni, che può sbandierare la conquista delle Marche. “Da nord a sud – ha scritto la leader di FdI – Fratelli d’Italia è l’unico partito che cresce in tutte le regioni al voto”. Anche Salvini si è affidato a Facebook, per ricordare che “Lega e centrodestra saranno alla guida di 15 Regioni su 20”. Poi ha rimarcato: “Non chiedo elezioni anticipate”. I numeri del voto danno indicazioni chiare.

Al referendum il Sì sfiora il 70%. D’altronde era sponsorizzato anche da Lega e FdI. Però, nei partiti, le crepe erano molte. Stando all’analisi di Tecneitalia, nel centrosinistra il No avrebbe prevalso nell’elettorato del Pd col 55%, di Italia Viva (77%) e de La Sinistra (58%). Tra l’elettorato del centrodestra avrebbe prevalso il Sì (75% FdI, 76% FI, 78% Lega).Per le Regionali, secondo le proiezioni il centrosinistra è davanti sia in Toscana, con Giani al 48% e la Ceccardi al 41%, sia in Puglia, dove Emiliano è oltre il 46% e Raffaele Fitto al 38%, e pure in Campania, con De Luca al 67% e Stefano Caldoro al 18%. Il centrodestra conquista le Marche, dove Acquaroli naviga sul 47% e Maurizio Mangialardi (Pd-Iv) sul 37%, e poi mantiene il Veneto, con Luca Zaia al 77% e Arturo Lorenzoni al 16%, e la Liguria, dove Giovanni Toti è al 54% e Ferruccio Sansa al 40%. Alto il dato dell’affluenza, che sfora il 54% per il Referendum e si avvicina al 58% per le Regionali.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here