Referendum, i rappresentanti universitari per il No a Salerno.

0
694
“Al Comitato ‘Libero ed Impertinente per il No’, apartitico e lontano dalla competizione elettorale per le regionali, arrivano significative ed autorevoli adesioni. Dal mondo universitario Umberto Di Benedetto, rappresentane in Senato Accademico – Università degli Studi di Salerno, Luca Esposito, del cda dell’Ateneo, e Roberta D’Amico, ‘pasionaria’ dell’universo giovanile”.
Lo annuncia il giornalista Gaetano Amatruda, fra gli ispiratori del comitato.

“Il Parlamento – dice Di Benedetto – ha un ruolo centrale nell’assetto istituzionale democratico previsto dalla nostra Costituzione. Quando si interviene per modificare qualche aspetto democratico di essa, nel caso del taglio dei parlamentari, occorre avere sempre presente che le conseguenze possono arrivare a squilibrare il sistema di pesi e contrappesi voluto fortemente dai padri costituenti, fino a farlo entrare in crisi”.
“La cosa che più mi spaventa – aggiunge –  è il fatto che si arrivi a questa importante modifica costituzionale con una motivazione che è strettamente demagogica e insensata”.
Per Roberta D’Amico “Il NO al referendum è una battaglia sacrosanta contro il populismo per restituire dignità alla Politica.  In queste poche settimane abbiamo il dovere morale di provare a fermare scelte miopi che danneggerebbero irreversibilmente la nostra democrazia.
Con il taglio dei parlamentari i territori saranno rappresentati meno e peggio”.
Deciso il commento di Luca Esposito “non è con la demagogia che si affrontano temi così delicati. Il Paese ha bisogno di riforme vere e quelle vanno fatte. Questo referendum rappresenta un grande inganno”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here