PUC, lettera aperta di Lambiase al Sindaco.

0
1200

Finalmente, dopo 10 anni dalla sua approvazione (2006), il  Comune di Salerno si sta adoperando per la revisione del Piano Urbanistico Comunale. Bisogna registrare e rendere espliciti i risultati ottenuti, verificare se sono stati raggiunti gli obiettivi prefissati, se sono state attuate le azioni messe in campo. C’è necessità di rivedere le previsioni  di espansione edilizia, rapportandole alle recenti esigenze della popolazione.

Il  signor Sindaco ci insegna, che  il Piano Urbanistico non è solo strumento tecnico. E’ uno strumento prioritario (forse il principale) a disposizione dell’Ente Locale per programmare le opportunità di sviluppo economico-sociale, la valorizzazione e tutela ambientale di un territorio.

Il PUC individua strategie e modalità utili alla realizzazione di nuovi servizi ed attrezzature collettive.

Il PUC programma una risposta adeguata al fabbisogno abitativo.

Il PUC contribuisce a promuovere nuove attività imprenditoriali, a valorizzare quelle esistenti. Stimola e favorisce le azioni e gli interventi (pubblico-privati) per la salvaguardia dell’ambiente e per il risparmio energetico. Crea le condizioni per migliorare la “vivibilità”, la “qualità della vita” in città: “dote” necessaria per  rendere “appetibile” il territorio, per attrarre nuovi investimenti.

Gli Uffici Comunali hanno avviato la fase di elaborazione del nuovo Piano Urbanistico Comunale. Sicuramente svolgeranno un lavoro apprezzabile. Però anch’io voglio offrirei miei modesti suggerimenti al Capo dell’Amministrazione, che spero possano essere utili a migliorare il percorso avviato.

–          E’ indispensabile una indagine puntuale sul patrimonio “disponibile” (case vuote, sfitte, in vendita), prima di confermare le “antiche ed esagerate”  previsioni di crescita;

–          è importante capire se il mercato immobiliare è attivo nella compravendita dell’enorme patrimonio di nuove residenze realizzate dal 2006 ad oggi;

–          è necessario censire le “aree di compensazione” in piena disponibilità del Comune per  realizzare i nuovi “servizi pubblici” previsti dal Piano (i costruttori , in cambio del permesso a costruire, hanno ceduto gratuitamente migliaia di metri quadrati di terreni, che l’Ente si è impegnato ad attrezzare a proprie spese ed ancora non l’ha fatto);

–          è utile definire lo stato di attuazione dei comparti edificabili (i comparti realizzati sono meno della metà rispetto a quelli previsti; evidentemente non c’è esigenza né convenienza economica ad investire);

–          è indispensabile la mappatura della “rete di fognature” da allegare agli elaborati di Piano (nessun Ufficio  è in possesso di una “piantina” completa del sistema fognario cittadino);

–          sarebbe utile avere una indagine puntuale sullo stato di attuazione delle Grandi Opere Pubbliche, per tentare di superare i problemi che ne ritardano il completamento;

–          è indispensabile la elaborazione contestuale di un nuovo Piano Trasporti (viabilità e mobilità di persone e merci), visto che il problema della congestione e dell’inquinamento da traffico automobilistico è sempre più grave;

–          è necessario un aggiornamento del Piano Energetico Comunale;

–          bisogna raccordarsi e coordinarsi con gli strumenti di pianificazione dell’intero comprensorio salernitano, in modo da non limitare i programmi di sviluppo del PUC esclusivamente al “recinto” comunale.

Il nuovo Piano Urbanistico Comunale può dare un contributo, affinché sul territorio si avvii un processo costante, che possa invertire la tendenza negativa che affligge anche la nostra città: l’aumento  della povertà, della disoccupazione, dell’emigrazione dei  nostri giovani in cerca di lavoro.

Non sprechiamo l’occasione!

 

Salerno, 1 settembre 2017

 

Gianpaolo Lambiase

338 7346018 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here