Tangenti per appalti alle mense scolastiche, Carabinieri arrestano 11 persone.

0
23

aeaea989179a4b4bf4b707898b0d4ec3Un’operazione dei Carabinieri per la notifica di un’ordinanza di custodia cautelare a 11 persone, fra i quali imprenditori e amministratori pubblici,è scattata all’alba nel Napoletano.

Le persone coinvolte sono accusate di aver fatto parte a vario titolo di un’associazione per delinquere, che in maniera irregolare,con corruzione, frodi e la promessa di posti di lavoro, ha ottenuto appalti per la fornitura di pasti in scuole delle province di Napoli, Avellino e Salerno.

In corso perquisizioni. (ANSA)

Dalle indagini, coordinate dal Procuratore aggiunto Alfonso D’Avino, e dai pm Henry John Woodcock, Celeste Carrano e Giuseppina Loreto, è emerso che il cibo servito nelle mense scolastiche al centro dell’inchiesta era di scadente qualità (in alcuni casi scongelato e ricongelato). È capitato talvolta che i bambini si sono sentiti male dopo aver pranzato in mensa a scuola.

Addirittura confezioni di pomodori di provenienza cinese sarebbero state in procinto di essere rietichettate perchè figurassero come italiani.

Tra i destinatari delle misure cautelari vi sono un ex vicesindaco, imprenditori, funzionari e dipendenti di alcuni comuni della Campania e di una Asl.

Le mense coinvolte nell’inchiesta sono quelle delle scuole materne ed elementari di Casalnuovo e Sant’Agnello (Napoli), Montoro Inferiore e Solofra (Avellino), Maiori e Padula (Salerno).
L’ex vicesindaco coinvolto nell’inchiesta è quello di Maiori, Antonio Romano, sottoposto a obbligo di presentazione quotidiana alla Polizia giudiziaria; stessa misura per Marcello Colella e Antonello Negro, dirigenti dei comuni di Solofra, il primo, e di Montoro Inferiore, il secondo.

In carcere sono finiti gli imprenditori Antonio e Gennaro Acampora, Nicola, Stefano, Silvio e Simone Summa, responsabili o collegati alle attività delle società Cea Sas di Casalnuovo, Puliedil e Sistesi. Agli arresti domiciliari sono stati posti Raffaele Manna, tecnico della Asl Acerra-Casalnuovo, e i dipendenti della Puliedil/Sistesi Eleonora Pisani, Adriana D’Agostino, Antonio Colucci e Alessandro Nappo.

In stato di libertà sono indagati l’assessore al ciclo integrale dei rifiuti del comune di Padula, un dirigente e due dipendenti del comune di Solofra, un dirigente del comune di Montoro Inferiore e un dirigente bancario. Le perquisizioni dei Carabinieri sono state fatte nelle sedi delle società, le abitazioni e gli uffici dei pubblici ufficiali indagati.

L’inchiesta – si è saputo dalla Procura – è partita dalla documentazione sequestrata nel corso di un’operazione che, nel luglio 2013, portò all’esecuzione di misure cautelari nei riguardi di sei persone che avevano attuato gli stessi metodi negli appalti pubblici relativi alla refezione dell’ospedale “Cantalupi” di Capri e di mense scolastiche di altri comuni, fra i quali Ischia.
 

LASCIA UN COMMENTO