Incompatibilità, Squillante risponde alla denuncia di Canfora.

0
30

Antonio SquillanteRelativamente alla denuncia del dott. Canfora, posso tranquillamente affermare che la cosa non mi preoccupa affatto. Dal mio insediamento ad oggi, credo che tra denunce annunciate e denunce effettivamente sporte nei miei confronti, se ne contano oltre un migliaio.

Ma è evidente che tutte si sono basate su presupposti errati in quanto fino ad oggi nessuna ha sortito alcun esito. In ogni caso ritengo anche che sia un legittimo diritto di tutti, segnalare un presunto abuso e quindi ben ha fatto il dipendente Canfora ad evidenziare alla autorità giudiziaria le sue perplessità. Al fine di ricondurre nella realtà dei fatti quanto raccontato dal Dott. Canfora è da precisare che, la originaria stesura della normativa sulla incompatibilità tra cariche, ha ingenerato il legittimo dubbio sul fatto che un primario potesse ricoprire contemporaneamente anche la carica di sindaco.

Tale situazione di reale incertezza ha, infatti, indotto l’Anac ad intervenire sulla problematica con propria delibera n. 149 del 22 dicembre 2014 allo scopo di chiarire la portata delle incompatibilità previste dal D. Lgs. 39/13. Nelle more del chiarimento da parte della autorità nazionale dell’anti corruzione, questa Direzione a tutela degli stessi interessi del Sig. Canfora ha semplicemente avviato il procedimento di revoca ai sensi della L. 241/90 ma non ha mai proceduto a sollevarlo dall’incarico di primario. Discorso a parte, invece, è quello relativo alla procedura che l’Asl ha in atto per il rinnovo degli incarichi di primario ex articolo 18.

L’azienda ha ovviamente pubblicato tale avviso anche per la unità operativa retta pro tempore da Dott. Canfora. Avviso al quale il sindaco presidente ha anche partecipato. Pertanto, saranno autonome ed indipendenti commissioni a valutare i titoli dei partecipanti allo scopo di selezionare i medici più capaci e competenti per guidare le varie unità operative tra le quali quella di anestesia e rianimazione del PO di Sarno.

Ciò detto, mi attardo in un paio di mie personali considerazioni: se il Dott. Canfora pensa che con una denuncia o perché forte dei suoi ruoli di Presidente dell’UPI,  Presidente della Provincia di Salerno e Sindaco di Sarno possa intimidire questa Direzione è veramente in errore. Io rendo conto solo alla legge ed ai cittadini e pertanto porterò a termine le procedure avviate.

La seconda considerazione è una semplice valutazione politica e di opportunità: come è possibile svolgere bene le funzioni di Primario e contemporaneamente gestire altri 3 importantissimi incarichi (Presidente UPI, Presidente della Provincia dì Salerno, e Sindaco di Sarno)? Credo che il Dott. Canfora, più che fare denunce inutili debba riflettere su questo.

LASCIA UN COMMENTO