Salerno Attiva ricorda la giornata mondiale della sicurezza stradale con l’ultima frase di Dj Fabo.

0
210

In occasione della giornata mondiale nel ricordo delle vittime della strada e sicurezza stradale, l’associazione culturale SALERNO ATTIVA – Activa Civitas, da sempre vicina alle tematiche sociali di ampio interesse, diffonde sui social e testate online, un wall di forte impatto emotivo, al fine di sensibilizzare l’uso delle cinture di sicurezza a bordo degli autoveicoli.

L’immagine riporta fedelmente l’ultima frase che dj Fabo, vittima di un tragico incidente stradale, ha proferito agli amici ed in particolare a Marco Cappato, esponente dei radicali e tesoriere dell’associazione Luca Coscioni, presso una clinica svizzera per praticare il suicidio assistito.

Dj Fabo, al secolo Fabiano Antoniani, stava tornando da un dj set in un noto locale milanese, quando, durante la guida gli sfuggì il telefono di mano. Nel chinarsi per afferrarlo, il noto dj, perse il controllo del veicolo impattando un’auto che procedeva lungo la corsia di destra. L’impatto fu così violento che fece sbalzare fuori dall’abitacolo, a metri di distanza, Fabiano il quale non indossava le cinture di sicurezza. La diagnosi non lasciò alcuna speranza: cieco e tetraplegico, condannato a restare immobile per il resto della vita, in “una notte senza fine” come disse lui in seguito.

“Ancora una volta la nostra associazione interpreta in modo forte e cinica una giornata internazionale dedicata ad una tematica sociale”, afferma il presidente di Salerno Attiva Michele Caprio. “Troppo spesso notiamo che gli automobilisti non fanno uso delle cinture di sicurezza, rese peraltro obbligatorie dal codice della strada, a scapito della propria vita e soprattutto a scapito della sicurezza dei propri cari”, “con il nostro messaggio auspichiamo una presa di coscienza sull’uso delle cinture di sicurezza e sull’utilizzo di sistemi di viva voce per telefoni cellulari”. “Basta davvero una piccola frazione di secondo” prosegue il presidente “per trasformare la propria vita o quella altrui in un incubo senza fine”.

“La vita spezzata di dj Fabo deve essere un monito per chi, superficialmente o, peggio, per indolenza si mette alla guida di un autoveicolo senza far uso delle cinture di sicurezza”. “Negli ultimi istanti della sua vita Fabiano affida all’amico Marco Cappato un messaggio semplice ma troppo spesso disatteso… quello di usare le cinture di sicurezza” conclude amareggiato il presidente Michele Caprio.

LASCIA UN COMMENTO