La radio e le sue melodie dell’epoca d’oro a Balconata Furitana, un trio d’eccezione per ascoltare musiche indimenticabili sabato 5 a Furore.

0
110

Torna con un grande spettacolo all’insegna della musica d’autore La Balconata Furitana, kermesse di spettacoli che si tiene a Furore, presso la Chiesa di Santa Maria della Pietà.

Sabato 5 settembre alle ore 21,00 presso la chiesa di Santa Maria della Pietà (INGRESSO GRATUITO) spazio al soprano Paola Tedesco, al tenore Walter Omaggio e al maestro Francesco Pareti che si esibirà al pianoforte. “Abat-jour, le canzoni dell’epoca d’oro della radio” è il tema scelto dal terzetto che si esibirà a Furore. Da Leoncavallo a Piaf, passando per Gershwin gli artisti racconteranno il periodo d’oro della radio e della musica alla radio.

Negli anni venti moltissimi italiani, non potendo permettersi l’acquisto di un apparecchio radiofonico il cui costo si aggirava intorno alle 3.000 lire (il reddito medio annuo non superava le 1.000 lire), per ascoltare le canzoni affollavano i bar e i locali pubblici. Languide melodie e allegri motivetti contribuirono al successo e alla diffusione popolare di quella che dapprima si sarebbe chiamata URI (Unione Radiofonica Italiana), poi EIAR (Ente Italiano Audizioni Radiofoniche) e infine Rai (Radio Audizioni Italiane).

PAOLA TEDESCO Soprano di Scuola Napoletana, ha studiato con il M° Ciro Visco. La carriera da solista inizia nel 1992 con la Petite Messe Solennelle di Rossini al Teatro San Carlo: fu un debutto felice poiché diede inizio ad una collaborazione che si è perpetuata sino ad oggi con l’Idomeneo di Mozart. Particolarmente incline al repertorio sacro che spazia da Pergolesi a Poulenc, negli anni si è cimentata anche in ruoli drammatici. Numerose le collaborazioni con artisti come Mariano Rigillo, Antonello Paliotti, Gianni Lamagna, Lino Cannavacciuolo, Enzo Salomone, e Lello Giulivo. Attualmente è impegnata in un progetto didattico per il recupero dei ragazzi a rischio.

WALTER OMAGGIO Tenore, ha studiato canto al Conservatorio di Avellino con Pia Ferrara. Si impone giovanissimo sulla scena lirica internazionale vincendo nel 93-94 il Concorso Europeo di Spoleto, e nel 95-96 negli U.S.A. l’International Competition of Philadelphia di Luciano Pavarotti. Ha cantato in molti importanti teatri italiani ed ha ha inciso numerosi CD, tra i quali per la Decca-Ricordi la registrazione dell’opera Adelia di Donizetti con Mariella Devia. Ha pure al suo attivo una cospicua attività concertistica che spazia dalla musica sacra, alla lirica vocale da camera, dall’Oratorio al concerto lirico-sinfonico.

FRANCESCO PARETI musicista napoletano, ha compiuto gli studi musicali presso il Conservatorio “San Pietro a Majella” di Napoli, diplomandosi in Pianoforte, Clavicembalo e Musica Corale e Direzione di Coro. Ha inoltre conseguito presso il Conservatorio di Musica di Perugia il Diploma Accademico di II livello in Fortepiano e Pianoforte storico. Per 13 anni ha collaborato assiduamente col Teatro S. Carlo di Napoli, giungendo nel 1999 a ricoprire l’incarico di Direttore del Coro. Ha successivamente curato quale Maestro del Coro preparazione ed esecuzione di oratori ed opere liriche, in collaborazione con l’associazione musicale napoletana A.N.C.E.M., e con la Fondazione I. C. O. “Tito Schipa” di Lecce per le stagioni liriche dal 2008 al 2012. Si esibisce frequentemente in concerti, da solista e in diverse formazioni cameristiche, utilizzando sia il pianoforte moderno sia il fortepiano.

LASCIA UN COMMENTO