Da Qaraqosh a Giffoni, sul filo della solidarietà Italia-Iraq il viaggio di 4 ragazzi iracheni della Piana di Ninive.

0
35

giurie iraqAlle giurie di Giffoni Experience 2015, in programma dal 17 al 26 luglio, si aggiungono anche quattro ragazzi iracheni della Piana di Ninive.

L’Ambasciatore italiano in Iraq, Massimo Marotti, che ha voluto e sostenuto la partecipazione al Giffoni Experience ha dichiarato: “Desideriamo offrire a quattro ragazzi iracheni e ad un loro accompagnatore l’opportunità di vivere dieci giorni con coetanei di altre nazioni, nel nostro Paese, nello speciale ruolo di giurati e nell’atmosfera che si respira a Giffoni durante il Festival”.

Il Direttore del Giffoni Experience, Claudio Gubitosi, ha accettato con piacere la richiesta e ha dato immediate disposizioni di attivare tutte le procedure agli uffici e all’associazione AURA, che cura i progetti sociali ed umanitari. Lo scorso anno i quattro ragazzi, tra i 12 e i 14 anni, hanno dovuto abbandonare con le loro famiglie le proprie case nell’Iraq del nord dopo gli attacchi dell’ISIL. Oggi vivono assieme a migliaia di abitanti di Mossul e della Piana di Ninive nel quartiere cristiano di Erbil, nella parrocchia di Sant’Elia, parte della Diocesi caldea.

Vivere il mondo attraverso gli occhi di altri, quello che il Festival offre ai partecipanti, è l’esperienza che i nostri giovani amici iracheni vivranno e condivideranno con tanti altri ragazzi, grazie alla generosità di due imprese italiane, la SSE Sirio Sistemi Elettronici SPA di Prato e Valvitalia di Paviache hanno condiviso l’iniziativa proposta dall’ambasciatore Marotti.

Marotti ha incontrato le quattro famiglie a Erbil domenica 24 maggio assieme al parroco, Padre Douglas al-Bazi. Le famiglie hanno dato il loro assenso e i quattro ragazzi saranno accompagnati in Italia da uno dei loro insegnanti.

Fra 45 giorni Giffoni, la città di Salerno e tutti i comuni limitrofi si apprestano ad accogliere 3600 ragazze e ragazzi provenienti da 50 nazioni. Oltre agli iracheni, a Giffoni ci saranno tanti altri ragazzi provenienti dalle aree interessate da conflitti come la Giordania, il Libano, il Pakistan, Siria e Palestina. Un momento di grande, emotiva e culturale esperienza che mette in luce, ancora una volta, la speciale partecipazione ed ospitalità dei cittadini campani alla mission di Giffoni.

LASCIA UN COMMENTO