Il boom del gioco illegale durante l’emergenza sanitaria: quali le misure necessarie per contrastarlo?

0
693
funshopping.it è il marketplace dedicato ai piccoli commercianti

Nessun settore si sta mantenendo indenne dall’emergenza sanitaria da Covid-19, nemmeno i più insospettabili: il mondo del gioco d’azzardo, per esempio, ha subito uno scotto ancor maggiore rispetto ad altri settori. Stando ai vari studi condotti sul gioco d’azzardo, per quanto riguarda il settore terrestre, anche in Italia si è registrato un forte calo delle entrate rispetto agli anni precedenti.

Il gioco online, al contrario, ha sbaragliato. La spesa nei casinò online è rimasta stabile nel mondo, dimostrandosi più resiliente alla pandemia. Discorso analogo va fatto per le lotterie e per i poker online, che hanno addirittura beneficiato del periodo. La mancanza di eventi sportivi, invece, ha poi portato ad un aumento di appeal per le scommesse virtuali.

E per quanto riguarda il gioco legale? Secondo lo IAGR le diminuzioni sarebbero state guidate dalla sospensione o dalla riduzione del gioco d’azzardo terrestre, mentre l’incremento potrebbe essere il risultato del passaggio dei consumatori da casinò sicuri a prodotti illegali o siti di gioco d’azzardo online senza licenza. Anche il settore online, dunque, è pieno di incognite. Ogni anno si contano circa dieci milioni di accessi illegali e vengono chiusi 7.000 siti irregolari rispetto ai casinò online sicuri del circuito ADM (https://www.gaminginsider.it/casino-online). La preoccupazione maggiore è che il periodo di lockdown abbia acuito questa situazione.

l gioco legale è un asset da tutelare che garantisce non meno di 11 miliardi di entrate allo Stato. Ma per farlo serve lavorare sulla reputazione e, soprattutto, una riforma organica del settore. Si discute sulla necessità di superare la dicotomia tra proibizionismo e antiproibizionismo per il gioco d’azzardo, mantenendo la possibilità del gioco ma con più controlli. L’idea del “gioco responsabile” arriva dai modelli nordeuropei, nei quali si distingue la responsabilità del giocatore da quella dell’imprenditoria e da quella del legislatore, che dovrebbe tutelare l’economia e la salute pubblica. In Italia sembra invece che la responsabilità sia solo del giocatore.

L’emergenza Coronavirus sta portando a un’esplosione del gioco online, per certi versi più pericoloso perché poco normato, poco conosciuto anche dai giocatori stessi e maggiormente legato all’illecito, portando quindi a un vantaggio delle organizzazioni criminali. Il discorso riguarda anche la difesa del diritto al gioco da garantire ai cittadini e della difesa della deviazione dal gioco legale al gioco illegale.  La necessità di creare un nuovo quadro normativo, dunque, si è tradotta anche nel Regolamento Operativo del “Comitato per la prevenzione e la repressione del gioco illegale, la sicurezza del gioco e la tutela dei minori”. Il documento ha lo scopo di porre le basi per un tavolo di lavoro tra interforze che riesca a porre in essere un’azione sinergica e coordinata tra l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli e le Forze dell’ordine. Il nuovo organo vedrà membri di spicco dell’Arma dei Carabinieri, della Polizia di Stato e della Guardia di Finanza, mentre la presidenza sarà affidata a Marcello Minenna, Direttore Generale ADM. L’obiettivo è quello di provare a contrastare il gioco illegale e le infiltrazioni della criminalità organizzata, vera piaga del nostro Paese.

compra mi piace facebook, follower instagram, follower tik tok, ed  aumenta la tua visibilità del 300% in soli 2 giorni

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here