Il cranberry, il mirtillo americano dalle proprietà antiossidanti.

1
107

OLYMPUS DIGITAL CAMERAa cura della D.ssa Giovanna Valente, Farmacista (lauree specialistiche in Farmacia e Farmacia Industriale) iscritta all’Ordine della Provincia di Napoli dal 2011.

Il mirtillo americano o Cranberry è un arbusto sempreverde di origine nord-americana, molto simile dal punto di vista botanico al nostro mirtillo. Cresce spontaneo nel Nord America in terreni palustri acidi.

Il fiore del cranberry è di colore bianco o rosa chiaro, a forma di campana.

Il frutto, piccolo e rossastro, è polposo ed aspro.

La droga è costituita dai frutti interi, freschi o surgelati, o sottoforma di succo di cranberry
che contengono pro-antocianidine,flavonoidi come la quercitina,catechine,tannini,acido ascorbico,citrico,malico, glucuronico,betacarotene,glutatione,alfa-tocoferolo(vitaminaE).

Grazie alla ricchezza in proantocianidine il Cranberry, inibisce l’adesione di alcuni batteri Escherichia coli,Proteus mirabilis,Staphylococcus aureus,Pseudomonas aeruginosa,alle cellule della mucosa di rivestimento delle vie urinarie favorendone l’eliminazione con l’urina.

Il cranberry esplica questo effetto anche nei confronti di altri patogeni del tratto urinario; tuttavia non sembra efficace nel far rilasciare i batteri che hanno già aderito alle cellule epiteliali urinarie. La sua efficacia sarebbe quindi maggiore in termini preventivi.

L’attività antiadesiva del succo di Cranberry può risultare utile anche nell’impedire l’adesione ai denti dei batteri della flora orale, implicati nella formazione e nella stabilità dellaplacca dentale; analogo discorso per l’Helicobacter pylori, agente eziologico di molti casi diulcera peptica.

Il cranberry è ricco di composti fenolici che svolgono un’azione protettiva sulle cellule nei confronti deiradicali liberi, proteggendole dal danno ossidativo,con effetto benefico e protettivo anche a livello cardiovascolare.

La sua utilità è dimostrata anche come coadiuvante in caso di diarrea, nelle stitichezze, e nei problemi legati al colon irritabile e alle emorroidi. Infine, i mirtilli rossi hanno anche la capacità di attenuare i piccoli inestetismi della pelle quale la couperose.Il cranberry è di solito ben tollerato e non si segnalano particolari controindicazioni. Dosaggi molto elevati, per esempio 3-4 litri di succo al giorno, possono causare disturbi gastrointestinali e diarrea. Un consumo superiore ad un litro/die di succo per periodi prolungati di assunzione può aumentare il rischio di formazione dicalcoli renali di acido urico (per l’azione acidificante a livello urinario); per questo motivo il consumo di mirtillo rosso americano può essere controindicato nei pazienti coniperuricosuria(alti livelli diacido urico nel sangue) od ipercistinuria.

Per la prevenzione delle infezioni delle vie urinarie è consigliata l’assunzione di 500-750 mL al giorno di succo, suddivisi in tre assunzioni giornaliere. la quantità di succo suggerita dipende dalla sua concentrazione; nel caso del succo puro, che andrà diluito in acqua, sono ad esempio consigliati da 80 a 160ml al giorno.

Invece, l’estratto secco reperibile sul mercato è generalmente titolato al 15% di polifenoli, va assunto una capsula 300 mg 2-3 volte al giorno, lontano dai pasti con acqua.

Sebbene molti casi di infezioni delle vie urinarie rispondano bene al trattamento con Cranberry, è sempre consigliabile evitare l’autoterapia e farsi seguire da un medico; infezioni urinarie trascurate possono infatti degenerare ininfezioni renali dalle conseguenze anche gravi.

Sono segnalati alcuni casi di interazione tra warfarin e succo di cranberry, con potenziamento dell’effetto anticoagulante del farmaco.

In mancanza di dati conclusivi, si consiglia vigilanza nella contemporanea somministrazione di Cranberry e Warfarin.

1 COMMENTO

  1. Abbiamo apprezzato molto questo contributo sul cranberry, che abbiamo volentieri condiviso sulla nostra pagina Facebook, vorremmo solo fare una precisazione sul succo di cranberry, dato che la nostra azienda ne produce con una concentrazione dell’87% (non puro perché sarebbe troppo aspro). Il succo Naty’s Wellness è stato testato per le proantocianidine di tipo A, e mediamente 120 ml ne contengono 36 milligrammi. Quindi la dose da noi consigliata è esattamente 120 ml al giorno, puro o diluito, in caso di prevenzione, da raddoppiare in caso invece acuto, preferibilmente dividendo in due dosi ogni 12 ore.
    Grazie dell’ospitalità!

LASCIA UN COMMENTO