Antonio Fasolino (Caldoro Presidente): il territorio al centro del mio impegno politico, a partire dall'Aeroporto.

0
83

1533779_774009726027885_6410293886530377101_nTra i candidati al Consiglio Regionale nella Lista Caldoro Presidente c’è anche l’Avvocato Antonio Fasolino,  originario di Capaccio, già Assessore Provinciale all’Ambiente ed ex Presidente del Consorzio che gestisce l’Aeroporto di Salerno – Costa d’Amalfi.

“Quando Stefano Caldoro è succeduto al doppio mandato di Bassolino ha trovato una situazione mortificante che tutti noi purtroppo ricordiamo bene: la Campania era l’ultima tra le regioni italiane, appellata “regione canaglia”, in cinque anni di Giunta Caldoro la situazione non solo si è ribaltata, facendo registrare alla Campania indicatori di performance positivi su tutti gli aspetti, ma addirittura, come ad esempio nel modello di spesa dei fondi europei, la Campania è indicata finanche dal Governo nazionale, dal ministro Delrio, come esempio di successo.

Non credo sia il caso di interrompere questo percorso, bisogna dare conferma e slancio all’azione di Stefano Caldoro in modo da portare la Campania ad essere volano dello sviluppo nazionale.

E’ in quest’ottica che ho accettato di candidarmi al Consiglio Regionale a sostegno della lista di Stefano Caldoro, è il momento che la società civile, gli uomini del fare, prestino le loro competenze al governo della Regione, contro il professionismo della politica di chi non fa altro non perchè non sappia farlo, ma perchè trova molto più comoda questa strada.”

Un’idea per la Regione?

“Io vengo dall’area a Sud di Salerno, dal Cilento, e so bene quanto quest’area, così come la Piana del Sele ed il Vallo di Diano, sia ricca di risorse e di eccellenze, che devono però essere messe nelle condizioni ideali per poter operare al meglio. In questo senso, un minuto dopo essere eletto al Consiglio Regionale, porterei subito al tavolo una questione che mi sta molto a cuore, che è quella dell’Aeroporto di Salerno – Costa d’Amalfi. Lo Scalo di Pontecagnano rappresenta un’occasione straordinaria per collegare il territorio a sud di Salerno con il resto del mondo, sia dal punto di vista dei flussi turistici ma anche dal punto di vista commerciale. ”

 

LASCIA UN COMMENTO