Legambiente, 1520 comuni ricicloni, 10 milioni di cittadini, 356 rifiuti free. Risale la Campania grazie a Salerno.

0
36

8ea78d37f8c74fba8f889defc4ba5753Sono 1.520 i comuni campioni nella raccolta differenziata dei rifiuti, per quasi 10 milioni di abitanti, il 16% dell’Italia che oggi ricicla e differenzia i rifiuti alimentando l’industria virtuosa del riciclo e del riuso, la cosiddetta “economia circolare”, che nel riciclo e ridisegno dei prodotti vede 150 mila occupati. E’ quanto emerge dal rapporto “Comuni ricicloni” di Legambiente che oggi ha consegnato i premi della XXII edizione.

L’eccellenza sono i 356 Comuni ‘Rifiuti free’, che producono meno di 75 chilogrammi di rifiuti indifferenziati pro capite.

I Comuni Ricicloni quest’anno sono 192 in più e raggiungono quota 1.520 municipi distribuiti in gran parte nel Nord-Est del (Veneto, Friuli Venezia Giulia e Trentino Alto Adige sono le regioni con la più alta concentrazione di Comuni Ricicloni), con la novità della sostanziosa crescita delle località del Centro-Sud che vede aumentare i comuni virtuosi dal 18 al 25% del totale nazionale. C’è almeno un campione “Riciclone” in ogni regione (tranne la Valle d’Aosta).

Crescono in particolare nelle Marche e in Campania: segno che cambiare e innovare, anche in pochi mesi, è possibile e vantaggioso, anche introducendo premi e penalità, come l’ecotassa per i rifiuti avviati a discarica e sgravi tariffari a chi ricicla di più. Due delle misure che Legambiente chiede di generalizzare a tutta Italia nel manifesto Italia rifiuti free.

La classifica dei comuni ricicloni 2015 (tutti quelli che hanno raggiunto l’obiettivo di legge del 65% di raccolta differenziata) riguarda tutte le regioni con almeno un comune virtuoso per buona gestione del servizio di raccolta ed avvio a riciclo. Le regioni del nord Italia non brillano più: Lombardia e Piemonte sono abbondantemente surclassate dalle Marche e dalla Campania e tallonate da vicino dall’Umbria; il sud erode ancora punti al nord grazie alla Campania che incrementa i virtuosi del 15,3%, mentre il centro si mantiene stabile grazie alle Marche che salgono ancora di un +9,5%. Da segnalare il caso di Salerno e Andria che pur rimanendo fuori della classifica sfiorano la soglia del 65%, e di Cosenza, capoluogo che sfiora il 60% di differenziata.

Secondo il presidente di Legambiente, Vittorio Cogliati Dezza, ”i 356 comuni ‘Rifiuti free’ rappresentano l’eccellenza nell’eccellenza. Sono quelli che oltre a essere ricicloni, nel corso del 2014 hanno prodotto meno di 75 chilogrammi a testa di rifiuto secco indifferenziato, mentre la produzione media pro-capite nazionale si aggira sui 550 chili annui”. A questi risultati, prosegue, si è arrivati ”con ricette diverse ma con un denominatore comune: responsabilizzazione dei cittadini con una comunicazione efficace e con politiche anche tariffarie che premiano i virtuosi. Ora la parola passa alla politica, cominciando dal parlamento e dal governo: tutta Italia può divenire ‘rifiuti free’ nei prossimi 2 o 3 anni”. La dimensione dei Comuni Rifiuti free è ancora quella della ‘piccola’ amministrazione.

Il manifesto di Legambiente per un’Italia rifiuti free e per un’economia circolare made in Italy mette insieme dieci proposte per un’Italia libera dall’emergenza rifiuti. (ANSA)

LASCIA UN COMMENTO