Cresce l’attesa per la finalissima dello Spot School Award, dal 25 al 27 maggio a Salerno.

0
281

La giuria del XVI Spot School Award – Mediterranean Creativity Festival – si è riunita presso la sede di RAI Pubblicità a Milano, ha valutato con attenzione i lavori in concorso, sotto la guida di Federico Ghiso, ed ha assegnato gli ambiti premi.

Principalmente le campagne partecipanti sono state declinate nelle sezioni press, digital, unconventional. Cresce adesso l’attesa per numerosi studenti di sette istituti maggiormente interessati e che hanno presentato lavori di qualità: IED Milano, Uninettuno Roma, IULM Milano, Accademia di Comunicazione Milano, IED Roma, Accademia della Moda Napoli, Istituto Palmieri-Rampone-Polo Benevento. Si contenderanno il Gran Prix RAI Pubblicità – Comune di Salerno e gli altri premi che saranno consegnati nelle giornate finali dal 25 al 27 maggio a Salerno dove saranno resi noti i vincitori.

Le campagne sono state realizzate per Caritas Italiana, superamento di pregiudizi verso le persone affette da HIV, per Legambiente, crowdfunding per Goletta Verde, per Fondazione Mario Diana, promozione dell’economia circolare nella gestione della raccolta integrata dei rifiuti, e infine per un quarto brief direttamente dagli organizzatori per sensibilizzare i giovani sulla fertilità umana.

La premiazione sarà preceduta dalla mostra dei lavori e dagli incontri dell’VIII Creative Campus, divenuto negli anni un appuntamento molto atteso dai giovani per la presenza dei big dell’advertising e del design. Uno spazio informale totalmente dedicato all’interazione, dove esperienza e conoscenza vengono messe a disposizione di chi vede nella comunicazione un percorso per il futuro. Al momento, tra i personaggi ospiti a Salerno, hanno confermato la loro presenza Alberto Contri, presidente Fondazione Pubblicità Progresso, che presenterà il suo ultimo libro “McLuhan non abita più qui?” nuovi scenari della comunicazione nell’era della costante attenzione parziale, e Domenico Manno, tra i giurati di quest’anno, direttore creativo dell’agenzia Doing con sedi in Italia e all’estero, un team di 270 professionisti digitali. Attesi anche gli altri giurati, i famosi creativi Paolo Iabichino, Federico Ghiso, Maurizio Sala.

LASCIA UN COMMENTO