La Notte Nera del Commissario Lombardo chiude Un Libro Sotto le Stelle a Maiori. Bilancio più che positivo per la kermesse letteraria dell’Associazione Meridiani.

0
889

Cala il sipario sulla XVI Edizione di Un Libro sotto le Stelle, la rassegna letteraria promossa ed organizzata dall’Associazione Meridiani e svoltasi al Reginna Palace Hotel di Maiori. Un graditissimo ritorno in Costiera Amalfitana, come testimoniato dalla risposta sempre pronta ed entusiasta del pubblico nelle 8 serate (4 a luglio e 4 ad agosto) della rassegna.

Può dirsi soddisfatto Alfonso Giarletta, event manager dell’Associazione nel tirare le somme: “Devo ringraziare”, spiega Giarletta, “oltre a Lucia Mammato che con convinzione ha voluto che tornassimo a Maiori, Tecnoscuola di Edmondo Gallo, nostro partner storico fin dagli inizi, l’Associazione Albergatori di Maiori, l’Associazione Prometeo, il Circolo Culturale Passepartout, l’Associazione Amici dei Musei della Costa d’Amalfi, e non da ultimi Maranpetroli e l’Agenzia UnipolSai di Giada Ammirati, e naturalmente tutta la famiglia Cimini titolare del Reginna Palace Hotel e soprattutto il pubblico che è intervenuto con entusiasmo e partecipazione a queste otto serate, quattro a luglio e quattro ad agosto, di questa sedicesima edizione di Un Libro sotto le stelle che per l’occasione ha deciso di raddoppiare il numero degli appuntamenti. Grazie di cuore davvero, speriamo si possa intraprendere un percorso comune. A Maiori c’è spazio per la cultura.”

In questa seconda tranche di appuntamenti si sono toccati i temi di più stretta attualità, a cominciare dalla pandemia del coronavirus, che ha visto l’inviato Mediaset Toni Capuozzo presentare il suo diario Lettere da un Paese chiuso insieme al noto virologo Prof. Giulio Tarro, per passare allo sport con Qatar 2020 di Gianluca Mazzini, neodirettore NewsMediaset, che ne ha discusso con il Presidente dell’Ordine Nazionale dei Giornalisti Carlo Verna ed il telecronista tifoso del Napoli Raffaele Auriemma, proseguendo con Pino Scaccia ed Anna Raviglione con Tutte le donne del Presidente, ossia Marilyn Monroe, Jackie Kennedy e Maria Callas, donne legate ad uomini di potere, per concludere con il noir di Giuseppe Petrarca, autore di Notte Nera. Il ritorno del Commissario Lombardo.

Non sono mancati gli intermezzi musicali come quelli di Luca Pugliese e del duo Claudio e Diana così come le letture recitate di Nunzia Schiavone. Appuntamento al 2021.

A concludere la rassegna dunque, dopo 3 serate dedicate alla saggistica, un romanzo noir, “Notte Nera. Il ritorno del Commissario Lombardo” di Giuseppe Petrarca. Con l’autore sono intervenuti Pina Masturzo, docente di lettere ed animatrice dell’Associazione Il porto delle nebbie di Salerno, Francesco Grillo, blogger e curatore di Raito Libri, il sostituto procuratore di Salerno Roberto Penna e la giornalista Claudia Izzo direttore di Salernonews24 che oltre a moderare il dibattito ha anche letto alcuni brani dal romanzo.

Notte Nera è un medical thriller essendo ambientato in un ospedale milanese dove il protagonista, il Commissario Lombardo, si trova ricoverato in seguito agli eventi del precedente romanzo di Petrarca, L’Avvoltoio, ma non è un giallo canonico, dove l’eroe di turno ha una chiara idea di cosa sia il bene e cosa sia il male, guidato da una stella polare chiamata legge, qui invece il protagonista si pone degli interrogativi ai quali la risposta che dà non è affatto scontata, o quantomeno si pone una possibilità di scelta.

“Scrivere è un’esperienza di vita”, spiega Petrarca, “come la lettura è un momento in cui si sta con noi stessi, ma a differenza della lettura la scrittura è un momento di liberazione, che non si può non condividere.”

Torna come nei precedenti lavori il tema del corpo come involucro dell’umanità e dei sentimenti.

Elemento di novità rispetto ai lavori precedenti dell’autore è la maggiore centralità dell’universo femminile, caratterizzato da un mix di forza e fragilità.

“Il lockdown”, chiude Petrarca (che nel suo lavoro precedente aveva quasi con fare divinatorio previsto una pandemia proveniente dalla Cina) “ci ha tolto la speranza, non abbiamo più la speranza come obiettivo, ma credo che la speranza debba essere almeno una necessità”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here