“Diritti umani violati”, il libro di Cosmo Salvemini al Caffè dell’artista a Salerno

0
371

A ricordare che, ancora oggi, i diritti umani vengono violati in tutto il mondo  è stato il professor Cosmo Sallustio Salvemini, pronipote del celebre meridionalista Gaetano Salvemini, che  ha presentato il suo  trentacinquesimo libro “Diritti umani violati”, edito dal “Movimento Salvemini Edizioni”, nella “Sala Moka”  di Salerno, durante un incontro organizzato dalla professoressa Florinda Battiloro,  Presidente dell’associazione culturale :”Il Caffè dell’Artista”.

Il libro  che analizza sinteticamente i crimini commessi dai leader religiosi e politici dal Medioevo ad oggi, è stato dedicato a Papa Francesco che ha apprezzato il testo donatogli dall’autore:” Lo considero uno dei più grandi Pontefici della storia della Chiesa: per la sua apertura mentale e per il suo impegno tenace nel riformare la mentalità di porsi come Chiesa nel mondo. Ha fatto dell’umiltà una bandiera e della missione umanitaria una regola di vita cristiana.  E’ un indomito lottatore per la  tutela dei Diritti umani nel mondo e un autentico interprete dei messaggi evangelici”, ha spiegato il professor Salvemini che ha messo in evidenza il fatto che le violazioni più gravi sono commesse da fanatici che strumentalizzano la fede religiosa per dare sfogo ai propri istinti criminali, e ricordato che la tortura è praticata in oltre 100 Stati: “Secondo il Rapporto di Amnesty International, relativo al 2015 , in 122 Paesi ci sono state torture o altri comportamenti lesivi della dignità umana; almeno 156 attivisti per i diritti umani sono morti in carcere; 113 Stati hanno arbitrariamente limitato il diritto di parola e la libertà di stampa; in almeno 61 Stati sono stati incarcerati gli obiettori di coscienza”.

Salvemini ha ricordato che le migrazioni di profughi da un continente all’altro avvengono in situazioni talmente drammatiche da trasformarsi in autentiche torture:” Il Mar Mediterraneo è diventato un enorme cimitero. E’ evidente l’insufficienza delle misure umanitarie adottate dall’ONU e dall’Unione Europea”. Salvemini ha anche ricordato che a circa 63 milioni di adolescenti tra i 12 e i 15 anni viene negato il diritto all’istruzione:” A livello globale, un adolescente su cinque non va a scuola. 121 milioni di bambini e adolescenti non hanno mai iniziato la scuola o l’hanno abbandonata”.

Salvemini ha anche ricordato che secondo le stime dell’Unicef sono almeno 300 mila i bambini soldato obbligati a uccidere, torturare e a farsi a loro volta uccidere:” Hanno un’età compresa fra gli 8 e i 16 anni. Sono ben 63 i Paesi dove è consentito l’arruolamento di volontari minori nelle forze armate. Ma in genere i bambini non sono volontari. Spesso sono ragazzi di strada convinti con un tozzo di pane o bambini rapiti e costretti a imbracciare un fucile. In Mozambico abbiamo casi di genitori uccisi allo scopo di creare orfani che poi sono resi facilmente schiavi”.

Secondo Salvemini anche in Italia esistono i nuovi schiavi:” Migliaia di immigrati vengono sfruttati  per pochi euro al giorno e se protestano vengono licenziati immediatamente. Sono manovali che all’alba invadono le periferie delle grandi città e aspettano la “chiamata” dei “caporali” che li deportano nei cantieri. Sono i nuovi schiavi del cemento”. Esistono anche le schiave del sesso:” Sono ragazze indotte alla prostituzione con la minaccia, il ricatto, la violenza. Sono schiave nel vero senso del termine, lo sono sotto i nostri occhi indifferenti e tuttavia rappresentano per i loro “padroni” il “tesoro” di carne giovane”. Nel libro Salvemini parla  della “Santa Inquisizione” di cui furono vittime Giordano Bruno e Galileo Galilei; delle sofferenze patite da Piergiorgio Welby e da Eluana Englaro e dell’autodeterminazione; delle vittime del disastro ambientale di Taranto, del diritto alla  corretta informazione e delle sobillazioni sataniche alla violenza:” Vanno respinte con la forza della volontà. Bisogna convertire i cuori alla Misericordia”.

LASCIA UN COMMENTO