realizza un sito ecommerce di successo, aumenta il tuo fatturato in sole 72 ore
Home Economia Il fondatore di LOOT vuole buttare via le chiavi del contratto

Il fondatore di LOOT vuole buttare via le chiavi del contratto

0

“Temo che il proprietario del contratto sia e sarà sempre l’autorità de facto (‘la chiesa’) su Loot, e che questo finirà per danneggiare il progetto”, ha scritto il suo creatore, Dom Hofmann, noto soprattutto per aver creato l’app di social video Vine, sul forum di governance di Loot.

È in corso una votazione per bruciare le chiavi contrattuali che regolano le NFT note come LOOT.

Loot è un progetto NFT molto popolare in cui ogni NFT coniato genera un piccolo elenco di nomi di oggetti, come quelli che si trovano in un gioco a tema spada e cavalleria. Loot è stato lanciato il 27 agosto e ha immediatamente catturato l’immaginazione della comunità NFT. Secondo OpenSea, i Loot NFT (o “sacchetti”) vengono scambiati per un minimo di 6 ETH al momento.

Più importante del valore, tuttavia, potrebbe essere il fatto che il progetto è un interessante esperimento di coordinamento delle persone per creare qualcosa insieme. Se funziona, potrebbe essere un esempio per molti progetti a venire.

Chiunque abbia un LOOT può votare se bruciare o meno le chiavi, e al momento sembra molto probabile che il voto passi. Finora, di tutti gli 8000 LOOT, 2000 LOOT hanno votato a favore della combustione delle chiavi e 26 hanno votato contro. Le votazioni terminano il 12 settembre a mezzogiorno.

Veri poteri

Secondo il post di Hofmann che introduce la proposta, non ci sono poteri reali che le chiavi del contratto Loot possiedono ancora. Ad esempio, non dice che le chiavi gli consentono di creare più LOOT.

La cosa più potente che può fare con le chiavi è coniare i LOOT non coniati. Ci sono 221 LOOT non reclamati. Hofmann fa notare che vorrebbe metterne da parte 21 per sé e poi lasciare che sia la comunità a decidere cosa fare con il resto.

La sua preoccupazione più grande sembra essere quella che, finché ci sarà un proprietario del contratto, questa persona avrà un controllo sul progetto, come accade invece per le crypto su Biticodes, il che va contro il suo intento.

Scrive: “Nel bene e nel male, finché ci sarà un titolare del contratto, i poteri percepiti del titolare del contratto avranno probabilmente una certa legittimità. Il principale soft power del proprietario è la capacità di segnalare ciò che è o non è canonico o approvato, e di richiedere un certo grado di consenso psicologico”.

I commenti alla proposta sono in gran parte positivi, in linea con i voti.

Ma la tesoreria?

Se le chiavi vengono bruciate, il costo più significativo per la comunità di Loot sembra essere il fatto che non avrà più la possibilità di stabilire una tassa di royalty per le vendite di LOOT per finanziare una tesoreria per sostenere lo sviluppo del gioco.

Ma, come ha notato un utente, ci sono altre opzioni per raccogliere fondi. “Se volessimo davvero una tesoreria per dare il via allo sviluppo, potremmo usare l’AGLD, oppure potremmo autorizzarvi a vendere le 200 bustine rimanenti e i fondi andrebbero direttamente alla tesoreria prima di bruciare le chiavi”.

AGLD (o Adventure Gold) è un progetto derivato che ha creato un token ERC-20 che è stato distribuito a tutti i proprietari di LOOT.

L’idea di Loot è che Hofmann abbia creato un aspetto del gioco: un elenco di oggetti di gioco. Ora spetta ai possessori di LOOT e ai fan creare il resto del gioco. Come spiega il sito web: “Loot è il blocco di costruzione non filtrato e non censurabile per storie, esperienze, giochi e altro ancora, nelle mani della comunità, a costo zero. Loot persegue la completa decentralizzazione fin dal primo giorno”.

Nel percorso verso la decentralizzazione, bruciando la chiave del contratto Hofmann getterebbe via in qualche modo l’equivalente blockchain di uno scettro o di una corona.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Exit mobile version