Amalfi, Città in fiore 2020, la contesa cortese a chi abbellirà meglio gli scorci dell’Antica Repubblica Marinara coi fiori. Aperto il bando.

0
319

Si apre per la terza edizione la “contesa cortese” a chi abbellirà meglio gli scorci dell’Antica Repubblica Marinara con fiori e piante, con il concorso “Amalfi, Città in fiore 2020”.

L’Amministrazione Comunale, guidata dal sindaco Daniele Milano, anche per l’estate 2020 chiama a raccolta i cittadini, le associazioni, gli esercenti invitandoli a valorizzare il patrimonio urbano utilizzando piante e fiori, puntando sulla sensibilizzazione al rispetto ed all’amore per l’ambiente ed il paesaggio.

La consigliera  Ilaria Cuomo delegata all’arredo urbano e verde pubblico, ecologia ed educazione ambientale, sottolinea: “Anche per quest’anno rinnoviamo questo concorso, invitando ad una piacevole competizione a rendere più belli gli angoli della città. La partecipazione è assolutamente gratuita. Assieme al lancio della terza edizione, ci saranno anche le premiazioni per la seconda edizione di “Amalfi città in fiore”, con i vincitori che saranno proclamati prossimamente”.

Le iscrizioni ad “Amalfi, Città in fiore 2020” saranno aperte dal 27 luglio 2020 fino alle ore 12.00 del 7 agosto 2020. Il bando completo è disponibile sul portale web del Comune all’indirizzo www.amalfi.gov.it all’albo pretorio e nella sezione notizie. Gli scorci floreali dovranno essere pronti entro il 10 agosto. Le categorie per le quali si può partecipare sono sei: balconi / davanzali, attività commerciali, attività alberghiere, quartieri/ rioni (particolari architettonici, angoli, scale, micro-giardini) attività extra alberghiere (B&B e case vacanze), lidi balneari, che possono partecipare singolarmente, per condominio, in associazione o gruppo. I partecipanti di ogni categoria che avranno dato vita allo spazio più interessante, vinceranno dei buoni acquisto per essenze floreali. I punti a disposizione sono 100, e saranno così ripartiti: da 0 a 30 punti per la qualità dei fiori utilizzati (rigorosamente vivi, no ai fiori di stoffa o plastica), da 0 a 20 punti per l’originalità della composizione, da 0 a 30 punti per fantasia e bellezza estetica, da 0 a 20 punti per l’armonia dei colori e dell’allestimento. La giuria sarà composta da architetti, fiorai, fotografi e giornalisti, che nel corso del mese di agosto effettueranno dei sopralluoghi nelle aree iscritte al concorso.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here