“IL BATTENTE E ALTRI RACCONTI” IL NUOVO LIBRO DI FRANCESCO COLLANO A “LA CONGREGA LETTERARIA” DI VIETRI SUL MARE

0
547

“Gli incappucciati incedevano lentamente, intonando canti antichi, seguendo il corteo sacro per le stradine di Minori, in Costiera Amalfitana. Come ogni anno, la sera del Venerdì Santo, l’intero paese, rispettando la tradizione secolare, si spegne di ogni luce artificiale. L’illuminazione soffusa viene affidata a migliaia di candele e fiaccole, disposte lungo le strade e sui davanzali delle finestre. L’intero tragitto dei battenti, con il capo e il volto coperto da cappucci, che fin dal medioevo accompagnano Cristo alla morte, è avvolto dal silenzio”. E’ la descrizione della Via Crucis di Minori, che da diversi decenni è diventata anche un’attrazione turistica, ad aprire il nuovo libro dello scrittore vietrese Francesco Collano “Il Battente e altri racconti”, edito da “Terre del Sole”, che è stato presentato presso il “Lido Risorgimento – Costa d’Amalfi” di Vietri sul Mare, di Giuseppina Gazia, Antonio Torelli e Luigi Di Mauro, durante una suggestiva serata organizzata dall’associazione culturale “La Congrega Letteraria”, diretta artisticamente da Antonio Gazia e Alfonso Vincenzo Mauro, e dall’associazione “Fabrica “ di Daniela Scalese ed Elisa D’Arienzo.

A presentare il libro, pubblicato anche grazie alla generosità dell IMA Srl e del suo amministratore Ciro Mannara, è stato il giornalista, scrittore, editore minorese Alfonso Bottone, direttore organizzativo della rassegna ” incostieraamalfitana.it”, che ha raccontato la trama delle tre bellissime storie, frutto di fantasia ma anche di attenta ricerca storica, racchiuse nel romanzo del novello Dan Brown della “Costiera Amalfitana”, tutte ambientate tra Minori, Maiori, Erchie, Cetara, Amalfi, Vietri sul Mare, ma anche Benevento e Salerno grazie ai protagonisti della prima storia: misteriosa, quasi sovrannaturale, intitolata ”Il Battente” nella quale si racconta anche del ritrovamento delle spoglie di Santa Trofimena, dei suoi vari spostamenti nel corso dei secoli e del Vescovo di Benevento Orso che nel nono secolo, portò le reliquie della Santa a Benevento. Nel secondo racconto, ispirato a un fatto realmente accaduto, intitolato “La casa oltre il Paese”, si parla della villa di Summonte di Molina di Vietri Sul Mare, avvolta da un mistero cruento. Nella terza storia, intitolata “La spiaggia del cavallo morto”, si racconta, in modo affascinante, quasi come fosse una favola, la surreale leggenda del Cavallo Morto cha ha dato il nome alla spiaggia che si trova tra Maiori ed Erchie. A recitare, con grande coinvolgimento emotivo, alcuni brani del libro è stato lo scrittore, attore e regista teatrale Francesco Puccio. La prefazione del libro di Francesco Collano, che ha come disegno di copertina un dipinto a olio su tela realizzato dall’artista Giuseppe Maresca, è stata curata dal Sindaco di Minori, Andrea Reale. Un libro di storie, di leggende quello di Francesco Collano:” Leggende   che non sono mai quello che sembrano: a volte nascondono verità che si farebbe fatica a considerare reali. Leggende che si raccontano d’estate intorno ad un falò, nell’incanto di una notte di luna piena che con il suo riflesso sul mare calmo sembra una passerella poggiata sull’acqua verso l’orizzonte”. (Foto di Edoardo Colace). (Pubblicato su “Il Quotidiano del Sud” di Salerno).

Aniello Palumbo

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here