DOMENICA 28 GIUGNO LA XV GIORNATA NAZIONALE DEDICATA ALL’INCONTINENZA

0
1021

Più di 5 milioni di persone in Italia soffrono di incontinenza. A loro è dedicata la “XV Giornata Nazionale per la Prevenzione e la Cura dell’Incontinenza” che ogni anno si svolge il 28 giugno. Quest’anno, a causa del Covid -19, tutte le iniziative previste per sensibilizzare la popolazione sui problemi delle persone incontinenti e di quanti sono coinvolti, direttamente o indirettamente, nelle loro vicende, sono state annullate. Per l’occasione è stata organizzata, domenica 28, dalle ore 10 alle 12, una diretta streaming sulla pagina Facebook FINCOPP (Federazione Italiana Incontinenti e Disfunzioni del Pavimento Pelvico) che sarà condotta dal dottor Lucio Cipullo, Ginecologo, Dirigente Medico presso il reparto di Ostetricia e Ginecologia dell’Azienda Ospedaliera Ruggi D’Aragona di Salerno. “ L’obiettivo principale dell’iniziativa è di far interloquire le associazioni dei pazienti con i “professionisti della salute” (ordini professionali, società scientifiche, etc) per diffondere le problematiche legate all’incontinenza urinaria e alle disfunzioni del pavimento pelvico, con particolare riferimento all’ambito oncologico”, ha spiegato il dottor Cipullo. L’iniziativa è aperta anche ai media e alla cittadinanza:” Partendo dal presupposto che solo dall’unione delle volontà’ di tutti i soggetti potenzialmente interessati è possibile ottenere risultati concreti in termini di prevenzione e di diagnosi precoce” ha spiegato il Presidente della FINCOPP, Francesco Diomede, che ha fortemente voluto che si organizzasse questo evento:” Vedrà confrontarsi in diretta tutti i Professionisti che riabilitano e interagiscono coi pazienti. L’incontinenza è l’ultimo tabù medico ed è nostro compito divulgare le problematiche e le possibili soluzioni, per farlo c’è bisogno di attivare i ‘Centri di 1°, 2° e 3° livello, così come previsto nell’Accordo della Conferenza Stato Regioni del 24 gennaio 2018, dando impulso al trattamento di tale patologia, all’innovazione tecnologica e alla qualità dei dispositivi medici. Auspichiamo che le Istituzioni accolgano il nostro appello poiché le associazioni dei pazienti a gran voce rivendicano l’apertura di centri dedicati ed ad una maggiore attenzione contro lo stigma della patologia”.

Aniello Palumbo

 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here