Unione Consumatori: serve responsabilità per la Fase 2.

0
320

Con decorrenza dal 27 aprile 2020 e fino al 3 maggio 2020, ferme restando le misure statali e regionali vigenti e fatta salva ogni ulteriore disposizione in considerazione dell’evoluzione della situazione epidemica, a parziale modifica delle disposizioni di cui all’Ordinanza n.32 del 12 aprile 2020, su tutto il territorio regionale sono state date nuove indicazioni per avvicinarci alla Fase 2 che partirà il 4 maggio. Tantissimi italiani aspettano una nuova normalità, dopo aver vissuto con pazienza in quarantena questi difficili mesi dall’arrivo del Coronavirus. Il Governatore della Campania Vincenzo De Luca ha previsto il primo alleggerimento delle restrizioni: fasce orarie che consentono mobilità. I cittadini della Regione possono disporre di due blocchi orari, la mattina dalle 6.30 alle 8.30 e la sera dalle 19 alle 22, per poter svolgere individualmente attività motoria all’aperto. Purtroppo nella giornata di lunedì si è creata molta confusione per le strade della Campania, dovuta soprattutto alla poca chiarezza delle disposizioni: molte persone hanno lasciato le proprie abitazioni creando, involontariamente, assembramenti trasgredendo così all’obbligo di distanziamento.

“Seppur sia possibile ritornare a camminare, ci teniamo a ricordare di rispettare le norme indicate dal decreto del Governatore De Luca: è obbligatorio l’uso delle mascherine, il distanziamento sociale e soprattutto la mobilità solo nelle vicinanze della propria abitazione al fine di prevenire una ripresa del contagio – scrive in una nota il vicario Regionale dell’U.Di.Con. della Campania, Anna Della Mura – conserviamo, però, molti dubbi soprattutto sull’indicazione delle fasce orarie, in quanto concentrare la mobilità in tre ore provocherebbe naturalmente assembramenti anche se non intenzionali. Con l’auspicio che presto tutto il Paese possa riemergere dalla crisi e scacciare definitivamente la pandemia, l’U.Di.Con. ricorda che non siamo usciti ancora dal tunnel: serve senso di responsabilità, ma soprattutto un pizzico in più di pazienza. Siamo a completa disposizione per qualsiasi dubbio – conclude Della Mura – potete contattarci all’indirizzo mail regionecampania@udicon.org e sul nostro sito per continui aggiornamenti”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here