Expo 2015, Tavola rotonda e cena – degustazione: si chiude così la seconda settimana della Fedagri Campania a Milano.

0
44

“Questo confronto è l’inizio di un percorso che Fedagri Confcooperative Campania ha intrapreso da tempo e che intende rafforzare. È il percorso del dialogo costante con le istituzioni, della partecipazione ai processi decisionali e di sviluppo. La volontà delle nostre istituzioni di guardare da un lato al made in Campania, aggregando agroalimentare e turismo e dall’altro di essere sempre più parte di un sistema Europa, ci trova pronti a dare il nostro contributo. Apprezziamo la sensibilità che i nostri rappresentanti istituzionali manifestano da qualche tempo verso la cooperazione, anche a Milano”.

Così Alfonso Di Massa, presidente della Fedagri Confcooperative Campania, a margine della Tavola rotonda “La cooperazione nell’agroalimentare campano: qualità e opportunità”, svoltasi nell’ambito della seconda settimana da protagonista (24/30 agosto) che la Federazione ha vissuto all’Expo di Milano, insieme alle Organizzazioni dei Produttori APOOAT, La Strega dell’olio, APOC Salerno, AOA, ORO CAMPANIA, alle Cooperative agricole e sociali SAN GIORGIO CARNI, FUTURAGRO, TONDA DI GIFFONI, IL GERMOGLIO, il Consorzio di Tutela Olio DOP Colline Salernitane e il Consorzio di Tutela della Nocciola Giffoni IGP.

La Tavola rotonda, che si è tenuta nella sala workshop dell’area mercato di Cascina Triulza di cui Confcooperative è official sponsor, ha fatto luce su due temi: qualità dei prodotti cooperativi agroalimentari campani e margini di sviluppo per il settore.

Vario il parterre dei relatori. Sono intervenuti: Corrado Martinangelo, Collaboratore Segreteria Particolare del Ministro Politiche Agricole; Francesco Picarone, Presidente Commissione Bilancio Regione Campania; Filippo Diasco, Direttore Generale Assessorato Agricoltura Regione Campania; Federico Capuano dell’Istituto Zooprofilattico del Mezzogiorno e Tommaso Mario Abrate, Vice presidente Fedagri Nazionale. Quel che ne è emerso è l’impegno della Regione, per il prossimo futuro, a tutelare le eccellenze campane, ragionando anche in un’ottica intersettoriale (turismo e enogastronomia) e di accelerare sul nuovo PSR, i cui bandi dovrebbero essere pubblicati entro fine anno.

A portare i suoi saluti anche Maria Patrizia Stasi, Presidente regionale di Confcooperative Campania.

“Non posso che essere soddisfatta di queste due settimane trascorse a Milano. La presenza delle istituzioni ci incoraggia e conferma che non possiamo più prescindere da una concertazione sempre più stabile e proficua per la crescita del settore” ha commentato la Stasi.

Hanno preso la parola anche gli imprenditori agricoli cooperativi che hanno testimoniato le peculiarità dei loro settori (agricoltura sociale, zootecnia, ortofrutticolo, vitivinicolo e olivicolo).

Coordinatore del dibattito lo stesso Alfonso Di Massa.

Un ringraziamento particolare da parte di tutti è stato rivolto al Direttore della Confcooperative Campania, Maria Rosaria Soldi, che si è impegnata per l’organizzazione. Notevoli gli sforzi anche del vice presidente della Fedagri Campania, Nicola De Leonardis.

La giornata (e la settimana a Milano della Fedagri Campania) si è conclusa con una cena-degustazione dei prodotti cooperativi agroalimentari campani: olio, vino rosso e bianco, formaggio, miele, carne del vitellone bianco dell’Appennino IGP, colatura delle alici di Cetara, pomodoro San Marzano DOP, frutta e verdura, sott’oli, pomodorini di collina, nocciola tonda di Giffoni IGP, cucinati e serviti per l’occasione da CIR FOOD, Cooperativa Italiana di Ristorazione. L’area pic-nic di Cascina Triulza si è animata di musica, buoni sapori e momenti di convivialità, prosieguo della degustazione di nocciole e di olio del pomeriggio.

LASCIA UN COMMENTO