A SALERNO, SUL LUNGOMARE, UNA PIAZZA DEDICATA A DANTE ALIGHIERI

0
2246

“Anche Salerno avrà una piazza intitolata a Dante Alighieri!”. Lo ha annunciato l’Assessore alla Cultura del Comune di Salerno Antonia Willburger, durante il convegno organizzato nel Salone dei Marmi del Comune di Salerno dalla professoressa Pina Basile , presidente della “ Società Dante Alighieri” di Salerno, che ha inaugurato le celebrazioni salernitane del 700° anniversario della morte di Dante Alighieri che morì di malaria a Ravenna, nel 1321, all’età di 56 anni. La piazza intitolata a Dante, sarà inaugurata il 23 ottobre alle ore 11,00: ” Salerno omaggia Dante con una piazza sul suo bellissimo Lungomare: è quella con le tre palme, all’altezza del palazzo delle ex Poste Centrali. Tra l’altro il numero tre   era caro a Dante,. rimanda alla Trinità Cristiana , alla perfezione e alla conoscenza”, ha spiegato la professoressa Pina Basile che alcuni mesi fa propose   all’Amministrazione Comunale l’idea di dedicare a Dante una piazza della nostra città.

Dopo i saluti dell’Assessore Willburger, che ha portato i saluti del Sindaco Vincenzo Napoli, e della professoressa Pina De Luca, docente di Estetica all’Università di Salerno, che ha portato i saluti del Rettore Vincenzo Loia, il professor Marco Galdi, docente di Diritto Pubblico all’Università di Salerno, ha tenuto una Lectio Magistralis su “ Giustizia e Pace in Dante e nella Costituzione italiana” ricordando che Dante tratta della giustizia umana nel suo “De Monarchia:” Dante , come anche altri pensatori, si è interrogato sul tema della felicità per l’uomo e del modo per raggiungerla attraverso la politica. La Giustizia in Dante è condizione della Pace e produttrice di” eudaimonia”: di felicità. Secondo il ragionamento di Dante la cupidigia dell’uomo è all’origine di ogni dissidio e contraria alla giustizia che è assicurata attraverso il diritto. Giustizia che assicura al genere umano la pace che è condizione della felicità terrena che si raggiunge attraverso la filosofia, la cultura, la conoscenza. In un passo della “ Monarchia” Dante dà una definizione di diritto di estrema attualità:” Il diritto è un rapporto proporzionale di uomo ad uomo pei beni come per le persone; e questo rapporto, se mantenuto, conserva l’umana società, se alterato, la disgrega”: se manca la coesione sociale non reggono gli ordinamenti, se non c’è dignità per tutti, se non c’è una proporzione tra le persone e una distribuzione equa dei beni, si rompe la società”. (Foto di Edoardo Colace). (Pubblicato su “Il Quotidiano del Sud” edizione di Salerno).

Aniello Palumbo

 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here