IL NUOVO REGOLAMENTO EUROPEO SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI SPIEGATO DALLA DOTTORESSA NUNZIA SCARIATI AL CLUB ROTARY SALERNO EST

0
1129

Il Regolamento Europeo sulla protezione dei dati personali 2016/679 ha previsto in determinati casi, sia per gli enti pubblici sia per le aziende private, la designazione del Data Protection Officer, anche detto Responsabile per la Protezione dei Dati personali (RPD). Il DPO è una figura di alto livello professionale che deve essere coinvolta in tutte le questioni inerenti alla protezione dei dati personali. Questo adeguamento è obbligatorio per le aziende pubbliche e private che trattano dati sensibili”. A spiegare nei dettagli la nuova normativa sulla Privacy è stata la dottoressa salernitana , Nunzia Scariati, Formatore Coach for Performance:” Accompagno e facilito quelli che sono i progetti di miglioramento di qualsiasi azienda pubblica o privata”, che ha approfondito la tematica scelta dal Presidente del Rotary Club Salerno Est, Antonio Vairo: “Governance e Performance, nell’ambito delle professioni e delle attività produttive del territorio” durante una conviviale rotariana organizzata al Grand Hotel Salerno. La dottoressa Scariati che è anche presidente dell’Associazione Nazionale del Coaching “Coach and Lean”, ha spiegato anche quali sono le opportunità in termini economici che possono utilizzare le aziende private e pubbliche dal 2018 e fino al 2020:” Possono partecipare a progetti di ricerca e sviluppo con detrazioni pari al 50% delle spese ammissibili oppure aderire a piani legati a progetti di Formazione per la misura dell’Industria 4.0 che permettono di ottenere delle agevolazioni, anche sotto forma di credito d’imposta, pari al 40%, anche in presenza di varie forme di finanziamento che l’azienda ha già avuto, in conformità con quelle che sono le legislazioni di settore per quanto riguarda la gestione del rischio e l’aumento della sicurezza che sono due elementi importanti: se noi andiamo a diminuire il rischio, automaticamente aumentiamo la sicurezza per i prodotti e i servizi che le aziende pubbliche offrono sul mercato. E’ questa un’opportunità anche per migliorare le performance delle organizzazioni ed anche quelle individuali che si ripercuotono su una maggiore produttività. Anche il singolo professionista che investe in formazione può avere una deducibilità pari al 100% del costo”. La dottoressa Scariati ha anche approfondito il concetto di responsabilizzazione:” Che è in capo al vertice aziendale: dell’imprenditore, del titolare dell’azienda, dell’amministratore delegato di una società o del presidente di un ordine professionale e quant’altro” e di approccio collaborativo:” Un approccio partecipato per tutte le grandi organizzazioni è un’ulteriore possibilità che permette la nascita di intelligenze multiple e di nuovi progetti per inserire effettivamente le innovazioni nelle nostre aziende, soprattutto in quelle del Sud ”. La dottoressa Scariati che fino a dicembre 2015 è stata componente del Tavolo Tecnico Regionale per la gestione delle patologie croniche e per l’implementazione di nuovi percorsi assistenziali della Regione Campania è anche esperta in Risk Management e autrice della Best Practice presentata all’Osservatorio Nazionale per il Rischio clinico in risposta alla Call for Good Practice di Agenas e validata dalla Regione Toscana a dicembre 2017.”E’ un modello di Governance Snello basato sugli obiettivi nella Direzione del Merito che nasce in ambito sanitario e che può essere applicato anche in altri tipi di aziende: un modello che lavora sulla gestione del rischio   e sull’ottimizzazione della performance che permette a tutte le organizzazioni di aumentare la ricchezza, con un notevole risparmio dei costi”. La dottoressa Scariati che rilascia attestazioni di qualità e professionalità per singoli professionisti ed aziende in tema di Risk Management e valutazione della Performance (individuale ed organizzativa) secondo le norme tecniche UNI EN ISO, ha parlato anche di formazione ECM  in ambito sanitario: ”E’ stata concessa una proroga fino al 31/12/2018 per completare l’adeguamento formativo”. Presente il Presidente dell’Ordine dei Medici di Salerno, il dottor Giovanni D’Angelo, che ha parlato dei dati sensibili presenti nelle cartelle sanitarie trasmessi telematicamente. Durante la serata è stato presentato dal Past Governor Marcello Fasano un nuovo socio del Club, il dottor Gioacchino Del Pozzo.

Aniello Palumbo

 

.

 

LASCIA UN COMMENTO