E’ successo a teatro, Giacomo Rizzo celebra i 70 anni di carriera al Teatro NUovo sabato 8 e domenica 9.

0
378

Dopo l’anteprima al Teatro Lendi di Sant’Arpino e lo strepitoso successo di pubblico dell’esordio della tournée al Teatro Totò di Napoli, col sold out delle date durante le feste di Natale 2016, lo spettacolo “È successo a teatro”, prodotto da Lu.Scar di Francesco Scarano, raggiunge Salerno dove sarà in scena al Teatro Nuovo (Via Valerio Laspro, 8/C, Salerno – telefono: 089 220886) sabato 8 aprile alle ore 21 e domenica 9 aprile alle ore 18.30.
“È successo a teatro”, ispirato a un testo di Corrado Taranto, segna l’esordio alla produzione di Francesco Scarano, giovane direttore del Teatro Lendi di Sant’Arpino, Caserta, che in quattro anni di attività ha messo in cartellone anteprime e nomi nazionali, e che con questo spettacolo ha puntato su un nome storico del teatro napoletano, Giacomo Rizzo, che celebra, con “È successo a teatro”, i suoi settant’anni di carriera teatrale. Una commedia comica, dove, al fianco di Rizzo, c’è una giovane e abile compagnia: Ciro Esposito, Rosario Minervini, Daniela Ioia, Peppe Sannino, Felicia Del Prete, Francesco Pirozzi, Carmen Nappo, Alessandro Coccorese. “È successo a teatro” vede il debutto alla scenografia di Francesca Mercurio, a sottolineare la volontà di Scarano di dare una chance a giovani professionalità del territorio. La regia è curata da Gennaro Silvestro. Costumi di Maria Pennacchio. Direttore di scena Mariano Ferreri. Realizzazione scene fratelli Giustiniani.

 

SCHEDA DELLO SPETTACOLO

Napoli, 1929

La scena è un piccolo teatro di provincia gestito da don Ciccio Scarone (Giacomo Rizzo), cavaliere appartenuto a una famiglia nobile decaduta, e proprietaria del teatro anch’esso decaduto. Anzi… decadente! Scarone ha un’unica possibilità per risollevare le sorti del teatro: quella di mettere in scena uno spettacolo di successo. Per far questo, Scarone si affida alla strampalata drammaturgia di Saverio Savio Pier Savelli, regista, nonché autore, nonché primo attore, a cui propone un cast “stellare”, composto da Nereo Rardi, ex divo del cinema muto col vizietto della cocaina; Bufalina Relli, regina della sceneggiata abituata ad alzare un po’ troppo il gomito; Viola Crisantemi, caratterista, rumorista e depressa; Paolo Castroni, filodrammatico raccomandato dal potere clericale; Diana Dei, detta Putipù, una peripatetica in arrivo dalla Germania, raccomandata dal Podestà di Casalnuovo, e lo scalcinato tuttofare Gennaro Iovine. A questo punto, al pubblico non resta che scoprire cosa, in quel non proprio lontano 1929, è successo a teatro!

LASCIA UN COMMENTO