Virtus Arechi Salerno, presentata la squadra a Palazzo di Città. Debutto in campionato contro Nardò.

0
231

Mattinata importante per la Virtus Arechi Salerno, protagonista al Palazzo Di Città per la conferenza stampa di presentazione della nuova stagione agonistica, la terza che il sodalizio caro al patron Renzullo si appresta a vivere ai nastri di partenza del campionato nazionale di Serie B Old Wild West.

Presenti a questo primo appuntamento di una nuova annata, il sindaco di Salerno, Vincenzo Napoli, l’onorevole Piero De Luca, l’assessore allo sport, Angelo Caramanno, il consigliere comunale, Domenico Mazzeo, ed il presidente in persona, Nello Renzullo.

Messaggi confortanti da parte delle istituzioni sono giunte a proposito della questione “palazzetto” che continua a tenere banco ormai da diversi anni, sebbene la Virtus abbia saputo fronteggiare tali impedimenti riuscendo sempre e comunque a raggiungere risultati prestigiosi che, si spera, possano contraddistinguere anche l’ormai imminente nuova stagione dei blaugrana.

Le dichiarazioni del patron Renzullo

Queste le dichiarazioni del presidente blaugrana, Nello Renzullo, a margine dell’evento organizzato questa mattina tra le mura del Palazzo di Città:

«Giornata importante per la nostra società. Siamo pronti a dare il via ad una nuova stagione agonistica che speriamo possa essere esaltante ed ancor più positiva di quella appena messa in archivio. Significativo ripartire dal Palazzo di Città, casa dei salernitani e luogo simbolo della comunità nella sua interezza. 

Ambizioni per la nuova stagione? Non ci siamo mai nascosti e non prenderemo a farlo certamente ora. Riteniamo di aver costruito un roster di ottima caratura ed intendiamo recitare un ruolo da protagonista nel campionato ormai alle porte. Non sarà un percorso in discesa, questo è certo, ma confidiamo nelle qualità di chi fa parte della nostra famiglia.

Questione palasport? Ritengo che le istituzioni siano motivate a portare avanti un discorso importante non solo per la Virtus Arechi Salerno, ma per tutte le realtà sportive che evidentemente necessitano di un impianto all’altezza delle relative ambizioni.  Abbiamo ritenuto opportuno spostarci a Capriglia affinché i nostri tanti sostenitori potessero godere di una struttura più all’avanguardia, atta ad ospitarli in massa e l’auspicio è che questo passaggio possa motivarli ulteriormente a seguirci nel corso di una stagione che, ripeto, spero possa essere davvero positiva per i nostri colori».

E’ finalmente giunto il momento di allacciare le scarpe e scendere in campo, in un solo istante i fiumi di inchiostro e la quantità infinita di parole consumate per raccontare l’attesa del debutto ufficiale nel nuovo campionato nazionale cadetto di pallacanestro vanno a finire nel dimenticatoio per lasciar spazio – inequivocabili ed ancor meno classificabili – alle emozioni di una vigilia dal fascino particolare.

E’ il day before della Virtus Arechi Salerno 3.0, che torna a competere ufficialmente sul palcoscenico del terzo torneo nazionale dopo la folle e disperata notte dello scorso 4 giugno targata Pescara, ma è anche è soprattutto l’inizio di una nuova era per il sodalizio caro al patron Nello Renzullo che, nell’ultima estate, ha saputo reinventarsi pur rimanendo sé stesso.

Si parte da una nuova casa, quel palasport di Capriglia che nella giornata di lunedì 30 settembre verrà intitolato alla memoria del compianto Carmine Longo e che nei prossimi mesi dovrà farsi dimora di un tifo coinvolgente, elemento in più a fianco dei rosso-blu in salsa iberica, ancora una volta ai nastri di partenza con in serbo le ben note ambizioni ad esserci, da protagonista. Il tempo, oltreché il campo come sempre, saprà esprimere giudizi. Incontrovertibili, di quelli che, piaccia o meno, vanno rispettati nella loro stessa essenza.

La settimana di lavoro

Settimana di lavoro, come al solito, impegnativa per i ragazzi di coach Giovanni Benedetto, mai inclini a risparmiarsi in palestra e pronti al battesimo del fuoco, sebbene al netto di qualche problema fisico che ha caratterizzato i sei giorni dei vari Cantone e Potì.

C’è d’altra parte troppa voglia di iniziare per soffermarsi a pensare a ciò che potrebbe andare meglio, ma non manca al contempo – in seno al gruppo tutto – la consapevolezza di un esordio nient’affatto agevole, al cospetto di un avversario di valore che proverà l’exploit lontano dal pubblico amico.

L’avversario di giornata

E’ un toro pronto ad una nuova stagione da titoli di testa quello che giunge a Salerno nell’opening game del campionato di Serie B Old Wild West 2019/2020, con il desiderio di dar seguito all’ultima, ottima annata messa sì giocoforza in archivio, ma tale da fungere da elemento di raccordo di una nuova avventura che non può non ripartire dalle nitide immagini e conseguenti emozioni figlie dell’upset del Palamaggiò di Caserta.

Organico di tutto rispetto quello messo a disposizione di coach Quarta da parte del front-office granata, che può fare affidamento su elementi di indubbia qualità quali Burini e Peroni oltreché i vari Bjelic e Visentin.

Mix ideale di esperienza e freschezza atletica nonché una miriade di altre “affinità elettive” rendono la sfida in programma domenica a Capriglia estremamente intrigante per appassionati e addetti ai lavori, un test impegnativo per ambedue le compagini che, da questo esordio, potranno iniziare a raccogliere informazioni utili a proposito di un torneo che si preannuncia, come al solito e più del solito, avvincente in ciascuna sua fase.

Le dichiarazioni di coach Adolfo Parrillo

A presentare la sfida in programma domenica tra Virtus Arechi Salerno e Frata Nardò ci ha pensato l’assistant coach blaugrana, Adolfo Parrillo. Questo un estratto delle sue dichiarazioni:

“Diamo finalmente il via alla nuova stagione dopo un percorso importante che ci ha visti lavorare senza sosta in questa avvincente preseason. E’ stata una settimana significativa perché la consapevolezza di essere ad un passo dall’esordio spinge a dare ancora qualcosa in più: abbiamo sì convissuto con qualche problemino fisico a carico di Cantone e Potì, ma ora vogliamo giocare e siamo consapevoli di quanto e cosa potrebbe significare una vittoria all’esordio nel nuovo palasport.

Affrontiamo un’ottima squadra, costruita con oculatezza e determinata a recitare un ruolo importante nel campionato ormai alle porte: sarà fondamentale imprimere sin dalle prime battute i nostri ritmi ad una contesa in cui, giocoforza in questo momento della stagione, l’intensità e l’agonismo nell’arco dei quaranta minuti potranno e finiranno con l’essere la chiave della sfida.

Il supporto del pubblico amico? Sarà determinante e speriamo di poter essere trascinati già domani dall’entusiasmo dei nostri supporters. E’ una sfida nella sfida nel corso di una stagione che auspichiamo possa vederci protagonisti fino in fondo. Per farlo, tuttavia, non possiamo prescindere dal sesto uomo in campo. Il pubblico di Salerno dovrà starci vicino e trascinarci come ha già dimostrato di sapere fare qualche mese fa”.

Info generali

Il match in programma domani, domenica 29 settembre alle ore 18 al Palasport di Capriglia, tra Virtus Arechi Salerno e Frata Nardò sarà diretto dai signori Paolo Sordi di Casalmorano (Cremona) e Riccardo Spinello di Marnate (Varese) e sarà possibile seguire l’andamento della sfida restando sintonizzati su tutti i canali social della società blaugrana.

Per ulteriori informazioni relative a tutte le novità sul mondo Virtus Arechi Salerno, è possibile accedere al sito ufficiale: www.virtusarechisalerno.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here