Scafatese sconfitta di misura a Palma Campania.

0
35

273255-12188964-907818782634734-4760666809614631546-nSuccede di tutto a Palma Campania: la Scafatese insegue con rabbia la Palmese, pareggia nonostante l’inferiorità numerica e poi, nel momento di massima inerzia gialloblu, subisce gol e raccoglie la terza sconfitta consecutiva in campionato. Per gli uomini di Gagliotti, che oggi sostituiva occasionalmente Macera in panchina,  è prima Gallo a rendersi pericolo con un tiro alto e poi Romano che, di testa, raccoglie un lancio del capitano  Teta, prova a sorprendere Afeltra con un pallonetto, ma l’estremo difensore palmese fa sua la sfera.
Al 23′ Limatola va via sulla sinistra e prova a portare in vantaggio i suoi, ricevendo il no secco di Fantasia che respinge coi piedi. Sugli sviluppi dell’azione, peró, arriva il colpo di testa di Arianna che mette in porta e manda in visibilio il popolo rossonero. La Scafatese prova a rispondere con un destro volante di De Simone: la coordinazione dell’under Scafatese del minuto 35 è perfetta ma Afeltra vola e devia in angolo. Nel recupero della prima frazione arriva una punizione per i canarini sulla mattonella preferita dal capitano Teta, ma dopo un momento di agitazione generale il direttore di gara Paolucci di Lanciano prima espelle Di Ruocco e poi, senza far battere, manda tutti negli spogliatoi. La reazione ospite della ripresa è rabbiosa, con una Scafatese che cerca il gol del pareggio nonostante l’inferiorità, pur lasciando qualche spazio per le ripartenze avversarie. Nascono quindi delle buone occasioni per l’attacco di casa, con Aufiero che sbatte prima su Chiariello al 50′ e poi su Fantasia al 52′. Al 56′ arriva la più ghiotta occasione per il raddoppio rossonero con Limatola che crea scompiglio sulla fascia e serve il libero Galdi che, tutto solo in area, non centra lo specchio. Al minuto 60 la Scafatese trova il pareggio: in mischia in area Viviano salva la porta con il braccio: l’arbitro concede la massima punizione che Teta trasforma in rete. È il momento migliore per i canarini che al 67′ rischiano di andare in vantaggio con il subentrato Luca Aufiero: il destro di controbbalzo del centrocampista scafatese doc viene leggermente deviato da Afeltra prima di infrangersi fragorosamente contro la traversa e terminare in calcio d’angolo. L’inerzia comincia a pendere verso i gialloblu, con la Palmese che si affida ai contropiedi innescando il numero 9 Aufiero che, in più di una occasione, prova a liberarsi in area ma trova il muro alzato da Piscopo e Chiariello. In casa Scafatese si prova a virare sulla difesa a 3, ma a 5 minuti dal termine, proprio mentre la squadra tentava l’affondo per la vittoria, arriva la mazzata letale firmata Aufiero che, di sinistro, gonfia la rete beffando l’incolpevole Fantasia. È l’episodio decisivo del match e punisce fin troppo dei canarini che hanno dato il massimo, pur dovendo far fronte, per la quarta volta in sette partite, all’inferiorità numerica.

CampIonato di Eccellenza Regionale Girone B – GIORNATA 7
Stadio “Comunale” di Palma Campania

PALMESE: Afeltra, Novello 96, Maresca, Iommazzo, Manzo 98 (65′ Corrado), Squitieri (65′ Bove),Limatola (72′ Laureto), Viviano, Aufiero G.97, Galdi, Arianna.
A disposizione: Soviero, Cutolo, Bove, Laureto, Corrado 96, Migliaro 97, Ruggiano 98.
All: Soviero

SCAFATESE 1922: Fantasia, Vitiello D. 98, Gallo S. (82′ De Bellis), De Simone 97, Chiariello, Piscopo, Di Ruocco, Guidelli (45′ Aufiero), Romano, Teta, Fogliamanzillo 96 (45′ Esposito 98).
A disposizione: Capece, De Bellis, Gallo L.97, Aufiero, Sorrentino, Ruggiero, Esposito 98.
All: Gagliotti

Reti: 24′ Arianna, 60′ Teta (rig), 85′ Aufiero G.
Arbitro: Paolucci di Lanciano
Assistenti: Baldissarra e Alborelli di Ercolano
Note: Ammoniti: 45′ Limatola, 45′ Iommazzo, 60′ Viviano. Espulsi: 45′ Di Ruocco. Calci d’angolo 12-5

LASCIA UN COMMENTO