Dopo la sconfitta in Coppa l’Alma Salerno di nuovo a Marigliano.

0
215

Messa alle spalle la partita di Coppa della Divisione ma non gli insegnamenti che ha portato con sé, l’Alma Salerno è pronta ad affrontare nuovamente il Futsal Marigliano. Questa volta, in ballo, c’è molto di più: le due squadre, in campionato, sono distanti solo due punti l’una dall’altra e quella di domani – sabato 16 dicembre, con inizio alle ore 18 – potrebbe essere la gara della svolta.

Il turno infrasettimanale di Coppa è servito a Di Giacomo per capire quali fossero gli aspetti su cui lavorare in vista della decisiva sfida di domani.

L’Alma non potrà fare affidamento, però, su Renè Villalba che, proprio durante la sfida di martedì, ha rimediato un’espulsione per doppia ammonizione, i cui effetti andranno a valere sulle giornate di campionato.

L’attenzione, in casa granata, è molto alta, proprio alla luce della recente esperienza contro la compagine partenopea che, a Salerno, ha giocato un’egregia partita difensiva, impedendo all’Alma di esprimere tutto il suo potenziale. Particolari accorgimenti saranno apportati anche per quel che concerne l’approccio alla gara, tallone d’Achille dei salernitani proprio nell’ultimo confronto con il Marigliano.

La formazione, dunque, eccezion fatta per lo squalificato Villalba, dovrebbe essere confermata nella sua interezza.

«Abbiamo già visto di che pasta è fatto il Marigliano – commenta il direttore generale dell’Alma Salerno, Antonio Peluso – Sono forti e non è un caso che siano davanti a noi in classifica. Nonostante questo, ogni partita ha una storia ha sé: è chiaro che se dovessimo ripetere la partita di martedì, tra meriti degli avversari e demeriti nostri, spianeremmo la strada al Marigliano verso i tre punti ma, allo stesso tempo, sappiamo benissimo che l’Alma non è quella vista in Coppa. Andremo a fare la partita, a giocarcela, anche se loro potranno contare anche su un pubblico caloroso che li spingerà. Indubbiamente – sottolinea Peluso – l’espulsione di René Villalba è stata il più duro colpo da digerire, perché sta inserendosi nei meccanismi del tecnico e la sua assenza in questa partita sarà importante».

«I nostri obiettivi – conclude il direttore generale – sono quelli di prima: puntare il più in alto possibile. Crediamo nella forza di questa squadra, che abbiamo iniziato ad allestire dallo scorso mese di marzo, e per questo abbiamo deciso di non intervenire nella sessione invernale di mercato».

Intanto, dopo l’addio dello storico capitano dell’Alma Salerno, la “bandiera” Giuseppe Peluso, anche il portiere Gennaro Gagliano ha salutato, dopo 5 anni, la squadra, a causa di alcuni problemi di carattere personale.

LASCIA UN COMMENTO