Jomi Salerno, il presidente Pisapia saluta Dragan Rajic: “Un grande uomo. Ha scelto di ritornare ad Umago rifiutando un ingaggio pluriennale”.

0
546
Babazar.it le grandi marche abbigliamento donna con il 60% di sconto

Raccolto il testimone da Neven Hrupec che ne aveva caldeggiato l’ingaggio, Dragan Rajic ha scelto di non proseguire la sua avventura salernitana preferendo fare ritorno nella sua Umago. Scaduto il contratto di un anno che lo legava alla Jomi, il tecnico protagonista di un fantastico Triplete, nonostante avesse ricevuto dal club del presidente Pisapia una ricca proposta di ingaggio pluriennale e il ruolo di Direttore Tecnico del settore giovanile della PDO e la guida della compagine maschile, ha declinato la proposta dopo una lunga riflessione. “Dispiace a tutti e a me per primo – sottolinea il presidente Mario Pisapia – Dragan ha preso questa decisione legandola alla scelta di non voler allontanarsi per così tanto tempo dalla sua famiglia. E’ una scelta condivisibile. Dispiace perché abbiamo avuto modo di apprezzare in questi dieci mesi la serietà e la disponibilità di un uomo di grandissimo valore. A prescindere dai risultati, in continuità con quanto fatto dai suoi predecessori, Rajic è persona di grande qualità. Non a caso non abbiamo avuto dubbi, alla scadenza del contratto, ad offrirgli un pluriennale molto vantaggioso, proponendogli anche di trasferirsi qui a Salerno con sua moglie proprio perché era nostra intenzione proseguire con lui il discorso cominciato quest’anno sia nel settore giovanile, che rappresenta per il nostro club un’assoluta priorità, sia nel settore maschile di concerto con il presidente Sica in previsione di un piano di importante sviluppo. Con Rajic c’è stata grande sintonia, ha proseguito su indicazione del nostro consulente tecnico Neven Hrupec che ne aveva suggerito l’ingaggio, il lavoro avviato l’anno passato ottenendo i risultati che gli erano stati richiesti. La sua è stata una scelta di vita che rispettiamo, ora ci rimettiamo a lavoro con il consueto entusiasmo e l’irrefrenabile voglia di migliorarci”.

LASCIA UN COMMENTO