Indomita, i ragazzi in cerca di riscatto contro Ottavima, le ragazze in casa contro la Molinari.

0
389

Ripartire. È la parola d’ordine in casa Indomita dopo le due sconfitte consecutive rimediate in trasferta dai ragazzi allenati dai coach Vitale e Capriolo. Due sconfitte diverse fra loro, quella densa di rammarico contro SACS Volley Napoli, con i biancoblu ad un passo dall’impresa e quella di Ottaviano di domenica scorsa: un match che ha visto la peggior prestazione stagionale della compagine salernitana.

Coach Capriolo ritorna proprio sulla sconfitta patita in terra partenopea: “Una prestazione sotto le righe. Non è la sconfitta ad averci fatto male, perché come detto ad inizio stagione in trasferta è complicatissimo ottenere punti, ma la consapevolezza di aver fatto dei progressi fino ad Ottaviano dove c’è stato un tracollo mentale che ci ha preoccupato. Non neghiamo l’idea che durante la settimana ci sia stato uno scambio di opinioni con gli atleti per capire cosa era successo e cercare di mettere la barca nella giusta direzione”

La ricetta per riportare la barca alla giusta direzione: “E’ mancata la consapevolezza dei nostri limiti tecnico-tattici in questo momento. Abbiamo tanti giocatori che hanno cambiato ruolo. Ci vuole del tempo a capire i nuovi meccanismi e le nuove dinamiche di gioco. Molti atleti sono stati in passato dei comprimari, ora si trovano a fare gli attori principali, forse non sono ancora pronti, ma io ho massima fiducia in loro, penso che possano essere protagonisti a livello nazionale e non solo regionale. Ci vuole consapevolezza dei propri limiti, tanto spirito di sacrificio, tanta tranquillità. Ciò che è mancato ad Ottaviano e nelle prime fasi di questa settimana. In conclusione, ci serve una vittoria per carburare bene e portarci avanti in campionato”.

Appuntamento alla vittoria da ricercare contro Ottavima: “Hanno un potenziale d’attacco inferiore al nostro. Da buona squadra napoletana non molleranno, hanno buone basi tecniche nonché una discreta impostazione di gioco. Fanno fatica a concludere il punto, cosa che a noi ci riesce più semplice da fare perché abbiamo doti atletiche superiori. Speriamo che la nostra palestra oltre a portarci fortuna, ci porti quella dose di tranquillità che ci serve per vincere”.

Dello stesso pensiero anche l’atleta Catone: “La medicina giusta è quella del lavoro in palestra, seguendo le indicazioni del mister. Dobbiamo avere più consapevolezza dei nostri mezzi. Sono fortemente convinto che siamo un’ottima squadra, dobbiamo tranquilizzarci e avere più forza nel capire che possiamo competere in questo campionato. Siamo un gruppo nuovo, giovane. Dobbiamo apprendere quelle che sono le nostre capacità, ci possono stare delle battute d’arresto. Adesso abbiamo la possibilità di giocarcela in casa e ritornare alla vittoria”.

Sul ritornare alla Palestra Senatore e su cosa è successo in queste due settimane: “Giocare in casa è sempre un’ottima sensazione. Siamo spinti dal pubblico e abbiamo più consapevolezza anche delle misure del campo che non è un dettaglio di poco conto. Le due battute d”arresto me le spiego così: sulla prima siamo dispiaciuti perché abbiamo fatto gara pari contro una favorita alla vittoria del campionato mentre per la seconda abbiamo sbagliato l’approccio alla partita. Una sconfitta inaspettata da parte nostra, siamo un’ottima squadra, qualcuno è fuori ruolo e sta apprendendo al meglio la nuova posizione in campo. Con il lavoro tutto verrà a galla”.

Aggiornamenti costanti sul nostro sito e sulle pagine social Facebook e Instagram.

Il video dell’intervista è consultabile qui.

 

Non sarà facile per Izzo e compagne riscattare la sconfitta di sabato scorso contro Oplonti, conclusasi col risultato di 3-0 seppur con il grande rammarico del primo e del terzo set praticamente lottato punto a punto da entrambe le squadre. Domani alla palestra Senatore, infatti, l’Indomita ospita Molinari, compagine napoletana accreditata dagli addetti ai lavori come la principale protagonista del campionato di Serie C.

Coach Mari presenta la sfida di domani contro Molinari: “Dobbiamo ripartire subito, seppur la gara non sia facile. Dobbiamo fare una partita molto grintosa, provando a mettere in difficoltà la squadra avversaria sin dalle prime battute. Prima di affrontare Molinari, dobbiamo affrontare noi stesse”.

Su cosa è mancato domenica scorsa (l’Indomita ha avuto anche set point nel primo parziale): “E’ mancata la cattiveria, è mancata la prestazione di qualche atleta che spero possa darci una mano nelle prossime gare. Abbiamo giocato punto a punto due set ed eravamo anche avanti nel punteggio: la tenuta mentale deve migliorare, dobbiamo essere più cattive e giocare una buona pallavolo”.

Su Candeloro Plaitano, angelo custode dell’Indomita: “Lorenzo è una persona che tutti quanti vorrebbero avere in società. Una persona disponibile, mi aiuta in tutto e per tutto. E’ sempre pronto ad incitarci, a dare una parola di conforto a tutti noi”.

Il dirigente Candeloro Plaitano conferma l’attaccamento ai colori biancoblu: “Ho preso quest’impegno con grande piacere. Sabato o domenica, cambia poco per me. Sono anni che seguo l’Indomita e seguo sempre tutto con grande affetto”

Sul gruppo di quest’anno: “Quest’anno con la squadra femminile si è instaurato subito un buon rapporto. Con coach Mari ci siamo capiti subito a vicenda nonostante ci stiamo conoscendo da poco e in passato l’ho sempre ammirato nelle panchine avversarie”. 

L’atleta Flora Gaeta ritorna sulla gara di domani: “Ho ripreso a giocare dopo un periodo di stop. Le ragazze mi hanno accolto subito bene e stanno avendo pazienza con i miei tempi di recupero. Gli allenamenti vanno bene, siamo un gruppo affiatato. Forse dobbiamo mettere più carattere e convincerci, noi per prime, che abbiamo tutte le carte per vincere e fare un buon campionato. Noi ci auguriamo che il pubblico ci venga a vedere e a supportare in questa gara che non sarà facile. Faremo del nostro meglio per non deludere allenatore, pubblico, noi stesse e società”.

Aggiornamenti costanti sul nostro sito e sulle pagine social Facebook e Instagram.

Il video dell’intervista è consultabile qui.

LASCIA UN COMMENTO