Gianluca Sconza, dodici anni e un progetto chiaro: diventare l’erede di Valentino Rossi.

0
69

Un giorno qualunque, anzi un sabato di due anni fa, la mamma telefona al padre e gli chiede se porta il figlio minore con lui in giro perché la sua vivacità non fà applicare negli studi il fratello maggiore che all’indomani deve essere interrogato, il padre colto all’improvviso e non sapendo dove portarlo si incammina presso un circuito di moto non distante dalla propria abitazione per trascorrere un po’ di tempo, a quel punto dalle domande iniziano le richieste di provare una MiniGP e quindi inizia la storia di un campioncino in erba, che in pista corre veloce, con gli avversari alle spalle e un progetto di diventare un grande pilota.

Il percorso fino ad oggi per Gianluca Sconza è stato intenso, ha iniziato con degli allenamenti di base partecipato a delle gare dilettantistiche su circuiti Campani per poi intraprendere la strada agonistica partecipando per l’anno 2014 e 2015 al C.I.V. Campionato Italiano Velocità e ottenendo dei risultati inaspettati per la sua poca esperienza, ha realizzato svariati podi tra cui una vittoria che ha lasciato il vuoto dietro di lui posizionandosi terzo nella classifica generale.

La notizia che sancisce il suo impegno e i risultati acquisiti è arrivata pochi giorni addietro, dopo varie offerte di Team di primo livello è stato siglato l’accordo per i prossimi due anni, con il Team Ufficiale RMU di Reggio Emilia del Patron Sig. Ruozzi in partnership con la VR46 Riders Accademy di Valentino Rossi, per partecipare ai prossimi Campionati Italiani Velocità 2016/2017 in categoria Premoto3.

Un sogno, un progetto, non un’ossessione, intanto Sconza trascorre la sua vita da adolescente con i piedi ben ancorati per terra e senza mai dimenticare ciò che resta in cima alla lista delle priorità: la formazione scolastica, alla quale tolta qualche assenza per gli allenamenti, continua a dedicarsi senza riserve.
La Famiglia vive a Pontecagnano, ma il papà Nicola, Imprenditore conosciuto, anche per le passate esperienze in politica, si è dedicato a pieno per seguire il figlio Gianluca nei continui spostamenti sia in Italia che all’estero,
intervistato ci ha detto:
E’ uno sport emozionante e coraggioso, direi per pochi, e una carriera che ti presenta pericoli e budget importanti , dall’altra parte è lo sport che ha deciso in assoluta autonomia mio figlio e visto i risultati con impegno raggiunti e le proposte presentategli non posso che accompagnarlo nel progetto che si è prefissato, questo è il compito di un genitore, ringraziando sempre gli sponsor che hanno creduto in lui e che continuano a crederci, confidando in un prossimo futuro di aver un pilota che è partito dal Sud ed è arrivato a gareggiare nel moto mondiale nella classe regina.
Gianluca Sconza Nato il: 06/03/2003 N° gara: 46
Campionato Italiano Velocità (C.I.V.) Premoto3
https://www.facebook.com/gianluca.sconza.1

 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO