Cardioimaging, da giovedì 28 al Grand Hotel Salerno.

0
111

Prenderà il via giovedì 28 novembre alle ore 15.00, presso il Grand Hotel Salerno, “Salerno Cardioimaging 2019”, convegno sull’Imaging in Cardiologia e Cardiochirurgia, presidenti i dottori Giancarlo Accarino e Alberto Gigantino con il Professore Carmine Vecchione, Direttore Scientifico il dottor Rodolfo Citro.

L’evento, nei suoi tre giorni di svolgimento (28 – 30 NOVEMBRE), metterà al centro della discussione il paziente cardiologico e affronterà tutti i metodi gestionali, focalizzando l’attenzione sull’importanza dell’Imaging per una corretta diagnosi e cura.

Le metodiche di Imaging hanno avuto negli ultimi decenni un notevole progresso ed un’ampia  diffusione contribuendo al miglioramento complessivo del diagnostic workup. Attualmente l’imaging influenza in maniera notevole gli snodi decisionali nella gestione dei pazienti con patologia cardiovascolare orientando le diverse opzioni terapeutiche, sia esse mediche sia interventistiche o chirurgiche.

Accanto all’ecocardiografia, che ha sviluppato nuove tecniche quali lo spekle tracking e l’imaging 3D-4D, troviamo la risonanza magnetica, la TC multislice e le metodiche nucleari che possono essere utilizzate ed integrate per ottimizzare la gestione del Paziente, pianificare il Follow-up ed il timig di interventi chirurgici o percutanei per numerose patologie cardiovascolari.

Il Convegno Salerno Cardioimaging 2019 si focalizzerà sulle specifiche caratteristiche, sui vantaggi e limiti, sul contenuto informativo e sugli aspetti innovativi che le varie metodiche possono fornire nelle patologie di maggiore interesse della pratica clinica quotidiana quali lo scompenso cardiaco acuto e cronico, la cardiopatia ischemica acuta e cronica, le cardiomiopatie, la fibrillazione atriale. Inoltre particolare attenzione verrà data ai pazienti con malattia aritmica ad alto rischio che necessitano di procedure invasive con impianto di CRT o ECD ed ai pazienti con valvulopatie, specie stenosi aortica e insufficienza mitralica, suscettibili di trattamento con TAVI e clip mitralica. Apposita sezione è stata dedicata per approfondire le caratteristiche e le indicazioni dei nuovi farmaci anticoagulanti alla luce dei risultati dei più recenti studi clinici, le più innovative terapie dello scompenso cardiaco, del diabete e delle dislipidemie e la possibilità, attraverso le metodiche di Imaging, di identificare i pazienti che più possono giovare di questi trattamenti e di verificarne l’efficacia durante il follow-up.

La crescita delle competenze, con la necessità di un approccio integrato delle varie professionalità coinvolte nell’iter diagnostico, è un altro aspetto della moderna pratica clinica.

Nell’ambito del cosidetto “Heart Team” emerge l’importanza del cardiologo esperto di imaging nell’interfaccia con gli altri componenti quali il cardiologo clinico, il cardiologo interventista, il radiologi, il medico internista, l’infettivologo, l’anestesista, il medico nucleare e il cardiochirurgo per la definizione del percorso terapeutico ottimale per il singolo paziente.

PROGRAMMA-DEFINITIVO-BROCHURE-CARDIOIMAGING-2019-web

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here