SEGNI DELLA SCRITTURA DEL NOVECENTO L’ERMETISMO SPIRITUALE DI QUASIMODO (parte settima)

0
146

cop lineam lett criticaQuesta corrente letterario-poetica, inizialmente, era designata col nome di “Poesia pura”, che si trasformò nella dicitura Poesia ermetica per opera di Francesco Flora, che coi termine ermetica” voleva significare una poesia chiusa, non aperta a tutti, di difficile intelligenza. La poetica ermetica, infatti, polemizza con tutta la nostra tradizione, repellendo i toni alti o sfibrati o malinconici o sentimentalistici, in una temperie priva di comunicazione, dove la pena esistenziale vive in modo individuale e non chiede aperture di conforto e di fiducia. Bensì essa fa rivivere, con singolare originalità, sinceramente, senza pose, i motivi che appartengono al simbolismo, che nell’ermetismo trovano, alla fine, una maturità che è consapevolezza della solitudine umana dell’uomo. Quindi, non capriccio, non moda, non ostentazione ipocrita, ma coraggioso dispiegarsi dello spirito a una pena esistenziale, che non è più l’angoscia pascoliana di fronte al mistero dell’essere, né il cosiddetto panismo dannunziano, perché la pena esistenziale è il male stesso di vivere senza possibilità di comunicazione, di conforto, di solidarietà con gli altri. Nessuna religione, oppure ogni forma di religione, perché questa pena non è dolore e sentimento di ricerca di valori universali; essa è ravvicinabile solo per qualche tratto al complesso sentimento di tedio leopardiano. Una pena che ti chiude nel cerchio di una incomunicabilità che ti isola, ti toglie i requisiti di animale associato. Vive lucido, essenziale solo il pensiero, capace di creare poesia, espressa come soffio, respiro senza peso, quasi a brandelli, come schegge di verità, intuite e simbolizzate. “Sradicato dai vivi! cuore provvisorio / sono limite vano” (Quasimodo). Quasimodo, in un ambito di accostamento a Ungaretti e a Montale, iniziò la sua poetica, dichiarandola apertamente “poetica della parola” cioè “una realtà autonoma del sentimento primordiale”. Quindi, solo la parola, così intesa, può essere insieme “principio e ragione” della poesia. Questo sentimento nuovo di vedere il momento poetico si evince chiaramente dalle sue prime raccolte di versi: Acque e terre (1930); Oboe sommerso (1932); Erato e Apollion (1936); Ed è subito sera (1.942). Quasimodo si rivela subito poeta singolare, che, pur rimanendo nella solitudine ermetica, non le preclude qualche varco verso la speranza di un rapporto umano.
(Continua…)

LASCIA UN COMMENTO