#welovecava, vince Cava Storie.

0
271

Cava Storie è la vincitrice del contest #welovecava, organizzato da Associazione Exedra e Soc. Coop. Cava Felix.

L’associazione beneficerà di 5.000€ in servizi professionali per la realizzazione del progetto “L’Aromataro”.

L’Associazione Exedra e la Cooperativa Sociale Cava Felix hanno indetto lo scorso maggio
una call for ideas per la ricerca di progetti di utilità sociale e territoriale nell’area del Comune
di Cava de’ Tirreni.

La prima edizione del 1° Contest “WeLoveCava” è stato un successo: il
vincitore dell’iniziativa, Cava Storie, è stato decretato a seguito della raccolta di idee e grazie
ad una votazione online.

Cava Storie, nella figura del presidente Paolo Di Mauro si occupa di ricerche storiche e
studi sul territorio e della pubblicazione di racconti e storie dedicati alla città di Cava de’
Tirreni. Di recente è anche in onda un programma dedicato al territorio e non solo “Itinere:
storie di ieri e di oggi” condotto in streaming da Aniello Ragone sulla webtv La Red.
“Siamo rimasti felicemente sorpresi dall’interesse delle associazioni coinvolte e della qualità
delle idee pervenute. Inizieremo subito la collaborazione con l’associazione vincitrice per la
realizzazione del loro progetto che coinvolge il territorio, l’ambiente e le antiche tradizioni
della nostra città.” – sostiene Emanuele Pisapia , presidente dell’Associazione Exedra – “Il
contest #welovecava è solo il primo progetto pilota di valorizzazione delle eccellenze del
Terzo Settore cittadino”.

Emiliano Sergio , presidente della Coop.Soc. “Cava Felix ” interviene: “La Rete, al secondo
anno, è un progetto sempre più incisivo ed importante per la città di Cava de’ Tirreni. Dopo
aver realizzato la sinergia tra gli Enti oggi abbiamo posizionato il primo mattoncino per la
valorizzazione delle loro idee progettuali. Congratulazioni a Cava Storie: faremo di tutto per
far diventare realtà il progetto vincitore.”

“Il supporto legale-amministrativo è fondamentale nella costruzione di un progetto territoriale
efficace” – dichiara l’ avv. Giuseppe Zarrella dello Zei Studio Lab – “Molto spesso le migliori
idee si trovano ad affrontare immediatamente lo scoglio insormontabile di un impianto
normativo policromo ed eterogeneo, entrando fin da subito in difficoltà. Sono certo che
questa iniziativa potrà sensibilizzare ed aiutare le associazioni aderenti verso queste
tematiche e renderle più consapevoli di obblighi e doveri presenti e futuri”.
Il progetto L’Aromataro prevede la valorizzazione del verde attiguo alla scuola primaria della
località SS. Annunziata per l’innesto di spezie ed aromi. L’Associazione Cava Storie
desidera recuperare la figura dell’aromataro, venditore di spezie e farmaci del ‘400. Le aree
verdi potranno essere curate dagli abitanti del luogo come risorsa condivisa e il prelievo dei
prodotti sarà assolutamente gratuito. Il progetto prevede inoltre una componente
storico-didattica attraverso la creazione di pannelli ad-hoc per ogni prodotto indicanti il
nome, le caratteristiche, le modalità di preparazioni per tisane e rimedi naturali ed adibire
una piccola area alla riproposizione delle lavorazioni agricole del nostro territorio come la
vendemmia, la produzione di olio, i rimedi naturali come “l’erb rà maronn”.
“Attraverso il supporto ricevuto dal contest #welovecava desideriamo rendere l’area della
SS. Annunziata uno spazio attrezzato che possa fungere da attrattore ed intrattenimento per
i più giovani anche con l’installazione di giostre e percorsi ludici per i più piccoli. Non
vediamo l’ora di metterci a lavoro“ – conclude Aniello Ragone del gruppo Cava Storie – “È
bello vedere come dal territorio possono nascere iniziative come questa e sono felice che il
progetto de l’Aromataro abbia suscitato l’interesse della comunità”.
Il progetto riceverà un contributo in servizi professionali del valore di 5.000€ comprendente
consulenza progettuale, legale, di comunicazione e in servizi digitali dai professionisti
promotori dell’iniziativa e sarà poi riproposto al Comune di Cava de’ Tirreni per essere
“impiantato” in altre aree del territorio.

LASCIA UN COMMENTO