Al via l’attività Informagiovani in otto città della Costa d’Amalfi

0
42

Ha preso ufficialmente il via il lavoro del coordinamento tra i responsabili dei centri Informagiovani di otto Comuni della costiera amalfitana: Cetara, Maiori, Minori, Amalfi, Ravello, Scala, Positano e Tramonti.

L’iniziativa, che coinvolge anche gli assessori comunali alle Politiche Giovanili, vuole creare un’opportunità nuova di confronto e aggregazione culturale a favore dei giovani del territorio, al fine di usufruire di servizi, opportunità lavorative e assistenza nella preparazione di progetti.

Il servizio è stato affidato lo scorso novembre, mediante gara di appalto pubblica, all’associazione sportiva dilettantistica Costiera e Monti Lattari di Ravello.

“La diffusione delle informazioni sulle opportunità per i giovani nei vari ambiti di interesse sarà svolta mediante i social, un sito web in preparazione e incontri periodici che si organizzeranno tra i responsabili per progetto a cui potranno intervenire tutti i giovani che desidereranno approfondire gli argomenti che saranno trattati di volta in volta – spiegano i responsabili dell’associazione – Questo coordinamento è una grande opportunità per discutere, affrontare e risolvere insieme problematiche e opportunità per i giovani di oggi. Nei prossimi mesi giovani di paesi diversi studieranno insieme argomenti come l’iscrizione al programma statale “Garanzia Giovani”, come richiedere finanziamenti e contributi agli enti pubblici e Fondazioni private per partecipare a corsi di formazione, a progetti per il sociale e progetti culturali. Metteranno a punto le procedure come chiedere la partecipazione a stage post universitari in Italia, alla Comunità Europa, all’Oni o altri enti internazionali. Saranno inoltre informati sugli effetti devastanti di droga ed alcol sia dal punto di vista fisico sia nel caso di precedenti penali che possono rovinare un curriculum vitae da presentare per la richiesta di un impiego. Divulgheranno queste informazioni tra i giovani dei paesi di appartenenza e Impareranno l’importanza del lavoro di squadra. Alla fine di questo percorso avremo messo le basi perché questa esperienza possa continuare anche dopo la fine di questo progetto augurandoci che il coordinamento tra i centri giovanili possa essere considerata una risorsa da sviluppare”.

Le attività si concluderanno il 31 maggio 2015 con un evento al quale saranno invitati a partecipare i responsabili del progetto, i loro assessori di riferimento, i sindaci dei Comuni coinvolti, i responsabili dell’Informagiovani di Salerno, i delegati della Regione Campania responsabili del settore, le associazioni di volontariato e sportive, i rappresentanti delle Fondazioni di Comunità e di Erogazione che operano sul territorio, i rappresentanti delle diocesi alle quali fanno riferimento i Comuni del Distretto 51 ed i rappresentanti dell’Arma dei Carabinieri.

LASCIA UN COMMENTO