Velia Teatro porta l'Iliade di Gianluigi Tosto a Salerno Letteratura mercoledì 22.

0
134

VeliaTeatro esce eccezionalmente dal sito archeologico per approdare per una sera a Salerno Letteratura. La rassegna di teatro antico che in agosto si svolge sull’acropoli di Elea-Velia è ospite nella IV edizione del festival culturale salernitano diretto da Francesco Durante, con la messa in scena dello spettacolo «Iliade», con Gianluigi Tosto. L’opera, in collaborazione con VeliaTeatro appunto, sarà rappresentata mercoledì 22 giugno (ore 22.30) nell’Atrio del Duomo di Salerno. L’attore ripercorre il grande poema omerico alla maniera degli antichi aedi, unico interprete, accompagnato dalle note di semplici strumenti musicali.

Gianluigi Tosto fa emergere la prepotenza dei sentimenti, totali e senza mezze misure, dei personaggi omerici. L’ira di Achille, la superbia di Agamennone, l’ardore di Patroclo, l’eroismo di Ettore, il dolore di Priamo. Modulando i toni e componendo i passaggi, lasciando sullo sfondo le battaglie descritte da Omero. Ponendo piuttosto attenzione ai personaggi umani: all’universalità di virtù e debolezze, passioni e sofferenze.

La musica, già insita nel ritmo e nella metrica dei versi, diventa parte integrante della narrazione. Grazie al suono di guerra del djembé che accompagna la lite fra Achille e Agamennone, alle mazze di ferro che ritmano le cruente battaglie fra i due eserciti, al gong che annuncia l’intervento decisivo degli dèi, ai campanellini indiani che assecondano l’emergere dal mare di Teti, la madre di Achille.

L’opera è parte della trilogia «Il Canto e la memoria», ideata e inscenata da Gianluigi Tosto, completata da altri due grandi poemi dell’antichità: l’Odissea e l’Eneide. Spettacoli che sono stati apprezzati nel corso delle edizioni 2011, 2012 e 2013 di VeliaTeatro. «Il proposito – racconta Tosto – è indagare sulle straordinarie possibilità espressive ed evocative di una voce narrante che, con l’ausilio di pochi ed elementari strumenti di supporto, trasporti l’immaginazione dello spettatore nel proprio mondo interiore, dove quelle storie scaturiscono e ancora vivono, radicate nella memoria profonda di tutti».

———

Il protagonista: Gianluigi Tosto

Allievo di Orazio Costa, Gabriella Bartolomei, Ludwig Flaszen, Jerzy Stuhr, John Strasberg, Kaya Anderson e dei danzatori Jerome Andrews e Traut Streiff Faggioni, ha lavorato con il Centro per la Sperimentazione e la Ricerca Teatrale di Pontedera, con il Teatro di Rifredi, il Laboratorio Nove, il Teatro Popolare d’Arte, la Compagnia Occupazioni Farsesche, la Compagnia Carla Fracci, il Teatro Comunale di Firenze, il Teatro Stabile di Torino e il Teatro Metastasio di Prato, dove nel 2006 è stato protagonistadello spettacolo «Il lettore a ore» per la regia di José Sanchis Sinisterra. Regista e interprete di spettacoli di narrazione poetica quali: «Iliade» e «Odissea» di Omero, «Eneide» di Virgilio, «La Goletta Flight» di Derek Walcott, «L’ultimo viaggio» di Giovanni Pascoli, «Ode marittima» di Fernando Pessoa, «La malattia della morte» di Marguerite Duras. Collabora con il Teatro Nazionale della Toscana nella produzione del monologo «Lettera al padre» di Franz Kafka, per la regia di Massimo Masini.

1 COMMENTO

  1. Bellissimo spettacolo che però non sono riuscito a vedere a Salerno letteratura. Vorrei sapere il programma di Velia teatro per il 2016 , ma non lo trovo. Come faccio a sapere. Rifaranno l’iliade?

LASCIA UN COMMENTO