Università, sperimentazioni progettuali per la Casa dell'Uno.

0
31

logounivcenterInizia domani, e si protrarrà fino al 5 dicembre, il ciclo di seminari su “Architettura e spiritualità”. Il ciclo di seminari coinvolgerà gli studenti chiamati a progettare un edificio multireligioso dedicato alle tre religioni monoteistiche Cristiana, Islamica, Ebraica. Il progetto deve cercare di adattarsi a precise richieste funzionali, ma soprattutto di trovare un modo affinché l’edificio possa diventare un luogo di scambio tra tutte e tre le comunità di credenti.

La “Casa dell’Uno” è il nome scelto per l’edificio per esprimere con efficacia questa intenzione. Quello che per gli studenti è solo un progetto architettonico potrebbe diventare, nella realtà, un esperimento sociale, un tentativo di pacifica convivenza e accettazione delle diversità, un atto di fede e di amore, un’apertura verso il mondo e soprattutto un simbolo di pace.

I seminari, aperti sia agli studenti dei corsi di laurea in Ingegneria Edile-Architettura che a quelli del dottorato in Ingegneria delle strutture e del recupero urbano ed edilizio, nonché ovviamente a tutti i docenti interessati, sono finalizzati ad approfondire i requisiti formali, funzionali e architettonici degli edifici per il culto secondo il rito cristiano, ebraico e islamico, a complemento e supporto delle attività didattiche del corso.

Il primo incontro si svolgerà, domani 14 novembre, nell’aula F di Ingegneria con la lezione del mons. Gennaro Matino (Teologo, Docente presso la Pontificia facoltà di Teologia di Napoli).

L’iniziativa culturale è a cura del prof. Roberto Vanacore, con la collaborazione degli architetti Felice de Silva e Carla Giordano.

LASCIA UN COMMENTO