UnisaOrienta, il racconto dell'ottava giornata.

0
89

“I filosofi ed i pensatori quando parlano tradiscono una certa malinconia per il passato. Io sono convinto, invece, che voi vivete nel migliore dei mondi possibili. Siete la prima vera generazione globalizzata. Le difficoltà, ovviamente, non mancano; allora attrezzatevi per essere competitivi. Questa università vi offre l’opportunità per esserlo. Ho insegnato in giro per il mondo e vi assicuro che quella di Salerno è tra le più belle dell’Europa continentale”. Parola di Sebastiano Maffettone, filosofo, docente nonché consigliere per la Cultura della Regione Campania, durante l’incontro di stamane nell’aula magna dell’Università degli Studi di Salerno, per l’ottava giornata di UnisaOrienta, la manifestazione di orientamento promossa dal CAOT, il Centro di Ateneo per l’Orientamento e il Tutorato dell’Università di Salerno, in collaborazione con i sedici Dipartimenti dell’Ateneo.

Gli oltre mille studenti delle scuole superiori presenti questa mattina hanno ascoltato in silenzio l’intervento di Maffettone, irrompendo in uno scrociante applauso quando il filosofo ha sottolineato che gli studenti del Mezzogiorno sono “i più bravi del mondo, bisogna solo dare loro la possibilità di lavorare”. Per poi aggiungere subito dopo: “L’Università è uno strumento materiale e morale. Non fatevi fregare da chi vi propone scorciatoie”.

 

A far gli onori di casa questa mattina  il rettore dell’Università degli Studi di Salerno, Aurelio Tommasetti, che nel suo intervento ha ricordato lo studio condotto da “Il Sole 24 Ore” proprio sulle università italiane: “La realtà di Salerno è stata indicata come la migliore del Centro Sud. Un risultato che è merito di tutti. La nostra sfida è adeguare sempre più l’offerta formativa alle esigenze degli studenti ed alle richieste del mercato del lavoro”.

A testimoniare il ruolo centrale degli studenti stamane è stato Luigi Iovino, vice presidente del Consiglio degli Studenti che ha spronato le future matricole a vivere il campus nella sua totalità: “l’università non dovete viverla come un esamificio ma con il luogo nel quale fare esperienze attraverso le tante associazioni che animano la vita del campus”. Nel corso della dieci giorni di UnisaOrienta, il Caot ha voluto che agli studenti delle scuole superiori ed ai loro insegnanti venissero illustrati i diversi ambiti dell’Ateneo spaziando dalla presentazione dei corsi di laurea ai servizi, senza dimenticare le borse di studio e le agevolazioni per gli studenti. Compito affidato oggi al presidente dell’Adisu, Domenico Apicella.

“Ragazzi queste giornate sono importanti perché dovete capire cosa c’è dentro la scatola dei percorsi di studio. Solo con un buon orientamento riuscirete a realizzare un percorso netto”, Maria Giovanna Riitano, direttore del Dipartimento di Scienze del Patrimonio Culturale, ha esordito così prima di soffermarsi sulle motivazioni che dovrebbe spingere le future matricole a scegliere i corsi previsti nel dipartimento da lei guidato. “Il settore della cultura guarda al futuro; se non di ha uno spettro di competenze non abbiamo la possibilità di incidere”. Motivazione, attitudine ed un’adeguata preparazione sono state le sollecitazioni da cui è partito Vincenzo Piluso, direttore del Dipartimento di Ingegneria Civile per il suo discorso agli studenti: “L’ingegneria civile la possiamo spiegare solo guardando le grandi costruzioni che ci raccontano chi siamo stati e chi siamo e chi saremo”.

La foto di Nao, il piccolo robot capace di eseguire molti movimenti, di parlare, salutare e interagire con l’uomo, presentato ieri mattina da Mario Vento, direttore del Dipartimento di Ingegneria dell’Informatica ed Elettronica e Matematica Applicata, in men che non si dica è diventata virale. A meno di 24 ore dalla pubblicazione sulla pagina facebook dell’Università degli Studi di Salerno ha totalizzato oltre 10mila visualizzazioni.  Per UnisaOrienta, che quest’anno ha puntato molto sulla comunicazione social, questo successo va ad aggiungersi alle migliaia di presenze che ogni giorno si alternano al Campus di Fisciano. Circa 14mila sono, infatti, gli studenti partecipanti, 600 i professori della scuole superiori referenti per l’orientamento.

Lunedì 29 febbraio, alle ore 9, per la nona giornata di UnisaOrienta nell’Aula Magna gli studenti incontreranno Beatrice Paternoster, direttore del Dipartimento di Matematica; Mario Capunzo, direttore del Dipartimento di Medicina e Chirurgia. Ospite della giornata sarà Corrado Lembo, procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Salerno.

Da quest’anno è possibile seguire la manifestazione anche attraverso il canale “Facebook” del Centro di Ateneo per l’Orientamento ed il Tutorato. Sulla pagina ufficiale del CAOT (https://www.facebook.com/caot.unisa/) sono pubblicati  il programma dell’evento, i video-racconti quotidiani, gli interventi degli ospiti, le interviste nonché le foto ed i video realizzati dagli studenti nel corso delle dieci giornate.

LASCIA UN COMMENTO