Tari gonfiata, Codacons offre supporto per i ricorsi.

0
291

Molti comuni hanno moltiplicato illegittimamente la tassa sui rifiuti, la Tari, applicando più volte, anche su garage, soffitte e cantine, la quota variabile che caratterizza questo tributo. Il risultato è che il balzello è stato complessivamente gonfiato ed in alcuni casi è anche raddoppiato. Il problema non è di poco conto, visto che riguarda molti comuni, alcuni anche grandissimi.

Tra i primi comuni analizzati in provincia di Salerno, dopo la nostra attenta analisi, irregolari sono risultati per ora Pontecagnano e Sala Consilina, ma sicuramente altri comuni saranno interessati.

Il comune di Pontecagnano per il pagamento della TARI come da apposito regolamento comunale:

  • Prevede una tariffa specifica per il box pertinenza quale quota fissa, da calcolarsi sul numero di mq dell’immobile con applicazione dell’aliquota prevista quale quota fissa per 1 occupante;
  • Prevede per il medesimo immobile anche il pagamento della  quota variabile con applicazione dell’ aliquota prevista quale quota variabile per 1 occupante (art. 11 comma 4 regolamento  comunale in materia di TARI);

però, contrariamente a quanto effettuato dall’ente,  la normativa speciale vigente impone, in presenza di pertinenze ed ai fini della determinazione della TARI di:

  • applicare l’aliquota di riferimento in maniera unitaria all’abitazione e alla pertinenza effettuando il relativo calcolo sulla metratura complessiva dei due immobili;
  • di  applicare la quota variabile, computata sul numero degli occupanti dell’immobile di residenza, una sola volta e non in maniera disgiunta sul bene principale e sulla pertinenza.

Ora, sebbene il regolamento adottato dal comune preveda una riduzione del 20 % sull’importo finale determinato per le pertinenze, risultano comunque corrisposte somme in misura superiore al dovuto ( + 40/60 €)

Hanno diritto al rimborso:

  1. tutti i contribuenti utenti domestici, residenti e non, e utenti non domestici in regola con i pagamenti che abbiano una pertinenza  di utilità all’immobile principale ( es. box, garage o cantina situata nello stesso stabile del bene principale)
  2. il rimborso è previsto dal 2014, anno in cui è entrata in vigore la TARI, ad oggi.

Cosa dunque fare?

Consigliamo innanzitutto”– afferma l’Avv. D’Angelo dell’Ufficio Legale Codacons Campania – “di effettuare il pagamento dell’ultima rata prevista per il giorno 30 novembre al fine di evitare azioni di recupero, poi siamo pronti a chiedere il rimborso ed invitiamo i contribuenti interessati” a recarsi presso la nostra sede, dove è pronto il modulo, con:

1) una copia di documento identità e codice fiscale;

2) fotocopia di tutte le quietanze dei pagamenti effettuati per i quali si intende chiedere il rimborso.

“La documentazione” – continua l’Avv. D’Angelo – “potrà essere inviata a mezzo mail all’indirizzo codacon.campania@gmail.com e l’utente sarà contattato per prendere appuntamento per la sottoscrizione dell’istanza di rimborso”.

“Il rimborso” – conclude l’Avv. D’Angelo – “dovrà avvenire entro 180 gg scaduti i quali se non è stato effettuato alcun riscontro all’istanza o sarà stato negato il rimborso si potrà agire innanzi alla commissione tributaria entro i successivi 60 gg.”.

[per maggiori informazioni rivolgersi al n. 348 131 7491]

LASCIA UN COMMENTO