Spasiba, i Musicastoria in concerto all'Area Archeologica di Fratte martedì 2.

0
80

Musicastoria 1S’intitola “Spasiba”, che in bielorusso significa “grazie”, il concerto che martedì 2 agosto, alle ore 21, i Musicastoria proporranno all’Area Archeologica di Fratte per raccogliere fondi in favore dell’orfanotrofio di Zhodino in Bielorussia.

Il connubio “Concerti d’estate di Villa Guariglia” e l’Associazione Salerno Accoglie, che da anni si adopera per i bambini bierlorussi sostenendo le accoglienze temporanee presso le famiglie salernitane, risale al 2010. Grazie alle donazioni del pubblico, alla disponibilità dei Musicastoria e dei tanti amici che hanno sostenuto il progetto, oggi nell’orfanotrofio di Zhodino è stata allestita una sala musicale intitolata a Paola Galdi, la salernitana docente di pianoforte e direttore di coro di voci bianche prematuramente scomparsa qualche anno fa.

Sul palco allestito nell’area etrusco-sannitica di Salerno saliranno Angelo Santucci (voce solista, percussioni), Fortuna Imparato (voce solista); Raffaella Coppola (danza, percussioni), Danilo Gloriante (violino, mandolino), Gaetano Troisi (flauto traverso), Ciro Marraffa (mandoloncello, chitarra battente), Francesco Granozi (chitarra classica, chitarra acustica) e Pietro Pisano (basso e zampogna). Un viaggio nel passato, tra reading e recitazione, che condurrà gli spettatori alla scoperta dell’antica storia della città di Salerno. Un altro tassello è questo per il festival organizzato da Antonia Willburger. Il festival è organizzato in collaborazione con la Provincia di Salerno, il Comune di Salerno, il Comune di Baronissi, il Comune di Cava de’ Tirreni, il Comune di Cetara, l’Ept, la Fondazione Cassa di Risparmio Salernitana, il CTA, la Coldiretti-Campagna Amica e l’Associazione Amici dei Concerti di Villa Guariglia, con il patrocinio morale del Consiglio Regionale della Campania ed il Conservatorio di Musica “Giuseppe Martucci” di Salerno.  I Musicastoria sono nati nel 1996. A distanza di due anni dalla loro formazione hanno vinto il quarto Festival Inedito per Maria, diretto da Eugenio Bennato con la canzone “Tu ca si femmena” di Granozi/Scafuri. Nel 1999 hanno rappresentato l’Italia ad una tournée estiva in Austria, dove sono stati invitati anche nell’estate del 2001 e del 2003. In curriculum hanno all’attivo diverse partecipazioni televisive: da Uno Mattino sulla rete ammiraglia a “Il sabato del Villaggio” in onda su Rete4. Diverse sono state le collaborazioni con i maggiori esponenti della musica popolare italiana, tra i quali Giovanni Mauriello, Giovanni Imparato, Marcello Colasurdo, Nando Citarella ed Ugo Maiorano

 

Per il secondo appuntamento, sul sagrato del Duomo di Cava de’ Tirreni, promosso con il contributo dell’amministrazione metelliana, mercoledì 3 agosto, alle ore 21, “Music around the World” con Francesco Citera alla fisarmonica, Rocco Basile al basso e Pietro Ciuccio alle percussioni.

LASCIA UN COMMENTO