Scala: un Sindaco giovane per il Comune più antico della Costiera Amalfitana

0
32

sindaco scalaLuigi Mansi, Sindaco di Scala dal 2009, è nato nel 1976, come Matteo Renzi, e come il suo collega Sindaco di Firenze auspica un profondo rinnovamento nella politica italiana, nelle idee, nei programmi, ma soprattutto nelle persone. Ed i suoi princìpi sono anche le linee guida della sua azione amministrativa, che quest’anno ha “portato a casa” alcuni risultati significativi. “Porto sempre con me il mio Programma”, spiega Mansi, “e continuamente lo rileggo per cercare di capire se l’ho seguito o no, se c’è qualcosa su cui non s’è fatto quello che avrei dovuto fare o se ci sono aree di intervento nuove.” L’anno che sta per concludersi è stato un anno ricco di attività e di novità per il Comune più antico della Costiera Amalfitana. “E’ stato inaugurato il primo asilo-nido pubblico in tutta la Costiera, che si prende cura di 8 bambini, è stata ridata dignità al Plesso Scolastico intitolato al Beato Gerardo Sasso, abbiamo realizzato i loculi cimiteriali nel più stretto rispetto dei vincoli ambientali ed architettonici, abbiamo inaugurato  il centro sportivo polivalente con un campo in erba sintetica e dotato di una struttura ad alta efficienza energetica, e pochi giorni fa abbiamo presentato il progetto di ristrutturazione per lo storico campo da calcio, una struttura che ogni sportivo che è stato in Costiera ha a cuore, abbiamo rinnovato l’arredo urbano con l’inserimento di oltre 200 punti di illuminazione nuovi ed abbiamo ridefinito la toponomastica cittadina, dividendo il territorio del Comune in 6 borghi, in sintesi abbiamo, uso il plurale perchè la mia Giunta è una squadra, lavorato per dare a Scala il posto che merita. Aggiungo che abbiamo dato a Scala una vera e propria vocazione sportiva, perchè crediamo fermamente nei valori e nei principi dello sport sano, come fenomeno di aggregazione e di socializzazione, per i giovani e per i giovanissimi.” Nella sua azione amministrativa il Sindaco deve relazionarsi con diversi interlocutori, nel caso di Scala si chiamano Provincia di Salerno, Regione Campania, ma anche Comunità Montana e Comuni limitrofi, come ad esempio Ravello. “Posso dire di avere ottimi rapporti con tutti, quando si hanno obiettivi comuni e si ha la volontà di realizzarli, lavorando insieme si ottengono i risultati”.  L’ultimo risultato in ordine cronologico è stato la presentazione del PUA (Piano Urbanistico Attuativo) ex piano particolareggiato, uno strumento che rappresenta uno strumento importante per la riqualificazione ed il recupero degli insediamendi edilizi, nel rispetto dell’integrità del territorio, tra l’altro Patrimonio UNESCO come tutta la Costiera Amalfitana. “E’ uno strumento che sblocca diverse aree di intervento che prima erano ferme a causa dei vincoli del Piano Regolatore Generale del 1995, che attendeva di essere integrato dai piani particolareggiati”, continua il Sindaco. “Ad esempio, sono stati definiti i criteri per le pertinenze, per i cambi d’uso, per gli adeguamenti funzionali, per i parcheggi. Con il PUA queste aree di intervento sono state sbloccate, abbiamo dato una risposta a domande che non potevano essere evase fino ad oggi, dotando i tecnici di uno strumento chiaro e concreto, e rendendo possibili anche gli investimenti da parte di operatori esterni.” Prima degli auguri di Buone Feste a tutta la cittadinanza c’è spazio per un’ultima riflessione: “Il mio modo di intendere la politica è, è sempre stato e sempre sarà quello del servizio ai cittadini ed al territorio, che fin dai tempi più antichi è lo spirito che anima chi sceglie di occuparsi della cosa pubblica, credo che questo modo di intendere vada recuperato anche a più alti livelli, senza che si rimanga attacati alle poltrone. E’ questo il mio augurio per il prossimo anno che si annuncia quanto mai impegnativo per il nostro Paese.”

LASCIA UN COMMENTO