Salerno: una provincia che si sgretola.

0
65

La provincia di Salerno si sbriciola fra l’indifferenza delle Istituzioni. L’ ennesimo sgretolamento del costone roccioso  che insiste sulla strada  Vietri  sul Mare – Salerno,  è la riprova della fragilità di un territorio, abbandonato al proprio destino,  anzi,   sempre più  aggredito  selvaggiamente da interventi  irrispettosi  ed invasivi ,  poco attenti  alle difficoltà orografiche  delle aree. 

Ci si accorge sempre successivamente  ed in  ritardo,  della criticità geomorfologica  di gran parte  della nostra  provincia.  A nord ed a sud di Salerno,  si può compilare una lunga lista  di strade interrotte,  di smottamenti e  frane che vanno interessando intere porzioni di comuni. 

Non si può far finta di niente,  non  sono  più credibili,  le istituzioni, dai comuni  alla  provincia,  per non parlare della regione o degli altri enti  preposti alla disciplina ed al controllo del territorio che assistono indifferenti  al degrado ed alla devastazione di intere aree  della provincia. Le piogge dei  mesi passati,  troppo spesso e frettolosamente  definite straordinarie, solo  per non far apparire  troppo evidenti  gli errori ed le inadempienze della politica , hanno ridotto le strade,  provinciali, ma anche quelle gestite da altri enti,  impraticabili, in più casi si è dovuti  procedere anche  alla loro chiusura.  Per molte di queste non si intravede  all’orizzonte alcun tipo di intervento per  riattivare in tempi non biblici la viabilità.

In una nazione che si vanta di essere, nonostante la crisi economica, fra le prime venti del mondo,   nella nostra provincia esistono  luoghi e interi comuni  dove arrivare è complicato.

Quale credibilità può vantare  un  ente come la regione,  dove gli organismi  preposti alla tutela,  alla programmazione ed alla gestione del  territorio sono sempre più numerosi,  ma nello stesso tempo sistematicamente basta  qualche scroscio di pioggia per allagare vaste aree, urbane o agricole. 

Quello di ieri sulla Vietri –Salerno, è la dimostrazione palese della  scarsa attenzione e credibilità  delle autorità preposte,  la ripetizione di quanto già avvenuto circa un anno fa non depone favorevolmente  sulla bontà  degli interventi  di risistemazione, che, quando,  uno su cento si effettuano, non sempre sono risolutivi del  problema.

 

Gerardo Sano

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO