Roccadaspide, i Consiglieri di minoranza: debiti fuori bilancio: così si gestiscono le finanze comunali?

0
109

roccadaspidedai Consiglieri Comunali di Roccadaspide Fernando Morra, Paolo Antico, Giuseppe Capuano e Franco Mauro riceviamo e pubblichiamo

Grazie all’impegno ed alla tenacia dei Consiglieri di minoranza Fernando Morra, Paolo Antico, Giuseppe Capuano e Franco Mauro, sono stati scoperti migliaia di euro di debiti fuori bilancio, cioè non contabilizzati nel bilancio del Comune per forniture, lavori e servizi effettuati nel passato. Ora, finalmente, potranno essere pagati tutti coloro che attendevano da anni di essere pagati. Tutto normale, allora? E invece no. Perché i fornitori saranno pagati accettando di rinunciare al 10% del valore delle loro fatture ed agli interessi. Quindi, dopo il ritardo, ne subiranno un danno!

Inoltre, la quasi totalità dei debiti è stata nascosta da Dirigenti convenzionati o comandati del Sindaco (da lui scelti), ossia a lui legati da un rapporto di fiducia. Gli stessi che ogni anno, in occasione dell’approvazione del bilancio consuntivo, hanno dichiarato ufficialmente e sotto propria responsabilità che non c’erano nel loro Settore debiti fuori bilancio. E perché? Forse perché il Sindaco voleva vantarsi mediaticamente di avanzi di bilancio che invece non c’erano o c’erano per importi inferiori? Se, infatti, la procedura del riconoscimento dei debiti fuori bilancio serve anche per garantire il pagamento delle spese urgenti che non possono essere rinviate (ad es., asfalto, gasolio per scuole, tubi per acquedotto, riparazione camion raccolta differenziata, ecc.), perché è stata utilizzata per giustificare e pagare spese conosciute e conoscibili come alcune canoni di locazione o mensilità della Dervit? Forse perché questa tecnica serve anche per creare spazi nel bilancio da spendere a propri fini e nascondere proprio “alcune” spese conosciute e conoscibili?

Non vorremmo ora essere nei panni del Sindaco che si trova costretto a prendere atto del fallimento contabile della gestione dei suoi Dirigenti convenzionati o comandati e che, una volta venuta meno la fiducia nei loro confronti, amaramente si trova a dover decidere se tenerli ancora al loro posto od iniziare procedimenti disciplinari nei loro confronti. A meno che non voglia astenersi dall’assumere alcun provvedimento accettando la sua corresponsabilità politica per quanto accaduto.

Staremo a vedere. Per adesso, ciò che conta è che tanti fornitori finalmente saranno pagati, seppur con la decurtazione del 10% e degli interessi.

Fernando Morra Paolo Antico Giuseppe Capuano Francesco Mauro

LASCIA UN COMMENTO