RITORNO AL FUTURO: Audio/foto dell’incontro pubblico fra presentazione e impegno

0
40
Gazzetta di Salerno

Giovedì 11 aprile 2013 – sala convegno Confindustria Salerno

www.gazzettadisalerno.it

RITORNO AL FUTURO

Audio/foto dell’incontro pubblico fra presentazione e impegno

 

www.gazzettadisalerno.it non è il prodotto di “un’operazione nostalgia” quindi non è tornata. Semplicemente c’è! E nel contesto della informazione ma anche dei giacimenti culturali esistenti (a Salerno e non solo) la notizia non appare peregrina. Anzi! Se grande è il disordine sotto il cielo la situazione è eccellente! I tempi, viceversa, sono tristi, cioè eccessivamente ordinati ovvero desertificati.

www.gazzettadisalerno.it viene non a disordinare quanto a sottolineare come l’ordine non sia necessariamente virtuoso anzi, talvolta, è straordinariamente coevo al defoliante che gli americani usavano in Vietnam.

Il deserto non regala frutti, non affresca gli scenari, non regala ombra.

www.gazzettadisalerno.it, pertanto, c’è per raccontare e nel racconto s’incontrano storie, percorsi e narrazioni diverse. Antiche, recenti, di vecchio conio e di nuova zecca. Soprattutto in piena libertà. Senza annullare le identità (che non sono esattamente un insulto) bensì contaminarle (contaminazione, peraltro, che non è l’annuncio di un’epidemia prossima ventura) ma semplicemente una buona abitudine.

Giovedì 11 aprile, presso la sede salernitana di Confindustria, c’è stato un primo incontro. Sono nell’ordine intervenuti – e “Gazzetta” ne rappresenta una integrale versione audio con fotografie allegate dell’evento – il Presidente Confindustria Mauro Maccauro, il Presidente dell’Associazione Giornalisti Salernitani Enzo Todaro, il Pro-Rettore dell’Università di Salerno Maria Galante e il Direttore Antonio Bottiglieri.

L’audio sarà anche reperibile sul sito di Unis@und (radio dell’Ateneo di Salerno il cui riferimento è nella home page di www.gazzettadisalerno.it) “a valle” di una sinergia che mette a circuito voci, persone e percorsi. Cioè “Collega-Menti”!

Zigzagando fra deserti diffusi e poche oasi, la cosa non appare (e non è) minore.

Alessandro Livrieri

 

LASCIA UN COMMENTO