Il regista Tornatore all’Università di Salerno: “Il cinema restituisce bellezza”.

0
83

“Il regista è un narratore che sceglie di raccontare con onestà una storia che lo appassiona”. Così il regista Premio Oscar Giuseppe Tornatore ha esordito nel Teatro d’Ateneo dell’Università di Salerno incontrando ieri pomeriggio gli studenti di Arti Visive e Comunicazione in occasione di una masterclass organizzata da Davimedia.

 

“E’ più bello avventurarsi in qualcosa che non sai come va a finire. E’ lì che si vede quanto tieni a quello che fai”, ha detto Tornatore rispondendo a chi gli chiedeva consigli sulla sceneggiatura, sullo scrivere per il cinema. A chi domandava invece se il cinema continuasse ad avere una funzione sociale, ha detto: “Il cinema restituisce bellezza a giorni complicati come questi. Tutti siamo chiamati a fare la nostra parte perché a ciascuno è affidata una responsabilità”.

Subito prima della masterclass Giuseppe Tornatore è stato accolto dal Rettore dell’Università di Salerno Aurelio Tommasetti che gli ha conferito la medaglia dell’Ateneo, da Marco Pistoia, docente di Storia e critica del Cinema e coordinatore scientifico di Davimedia, il direttore artistico della rassegna Roberto Vargiu.

Davimedia, dal 10 al 12 febbraio, sarà protagonista a Casa Sanremo, l’hospitality del Festival della canzone italiana, con una serie di incontri tematici con Alessio Danesi, tra i maggiori esperti del fumetto italiano, Niccolò Agliardi, autore della colonna sonora della serie tv “Braccialetti rossi” e il regista e attore di musical, Manuel Frattini.

 

Il 22 febbraio, poi, sarà la volta dell’attrice Chiara Francini, protagonista di alcune fiction di successo come “Tutti pazzi per amore” e conduttrice di Colorado con Diego Abatantuono.

LASCIA UN COMMENTO