Un pò di sollievo per i produttori di Pesche e di Pesche Noci Aiuti dall’UE

0
19

“Dopo tante preoccupazioni per il calo delle vendite delle Pesche e delle Pesche Noci, accentuato a causa del blocco russo dell’import agroalimentare dai paesi UE, USA e Norvegia, come risposta alle sanzioni imposte per la crisi ucraina, giunge un po’ di sollievo per i produttori del comparto, afferma Donato SCAGLIONE (Presidente Provinciale della Federazione di Salerno, Presidente Regionale e Vice Presidente Nazionale dell’AIC “Associazione Italiana Coltivatori”), in quanto l’UE stabilisce uno stanziamento per un totale di 32,7 milioni di euro in tutta Europa, Regolamento 913/2014, pubblicato sulla gazzetta ufficiale dell’Unione Europea del 22 agosto 2014”.

“Alleviato il danno  – continua Scaglionel’intervento dell’UE per risollevare la crisi del settore che ha mortificato i produttori italiani di frutta estiva con il crollo dei prezzi all’origine, consistente complessivamente in 32,7 milioni in tutta Europa, sarà destinato in parte, precisamente 29,7 milioni, a finanziare i ritiri dal commercio e la restante parte, precisamente 3 milioni, a finanziarne la promozione”.

In Italia le operazioni di ritiro dal commercio verranno effettuate fino al 30/09/2014; i prodotti ritirati, un quantitativo pari al 10%  del volume complessivo commercializzato nel 2012, come previsto dall’art. 17 del DM 17/10/2013 n. 12705, verrà destinato alla distribuzione gratuita.

E’ stato previsto, inoltre, per i produttori Italiani, uno stanziamento di euro 1.288,201 da destinarsi per attività promozionali effettuate fino al 31/12/2014.

“E’ un intervento importante e le sedi A.I.C. in Italia sono a disposizione per ulteriori chiarimenti e consulenza – conclude Scaglionema è preoccupante come la nostra agricoltura, di primissima qualità in Europa e nel Mondo, debba sperare sempre in interventi-tampone per sopperire ad innumerevoli problemi tra cui quelli strutturali, dissesti ambientali, politici ed altri che volta per volta sopraggiungono”.

LASCIA UN COMMENTO