Percorsi di mare, di terra e di gusto, il Cilento da scoprire insieme alla Goletta Verde di Legambiente ed al GAC Costa del Cilento.

0
86

ik9iScoprire le bellezze d’inverno del Cilento e dei suoi borghi, conoscere  e degustare con laboratori pratici le antiche ricette cilentane, promuovere la pesca sostenibile e la biodiversità, sensibilizzare turisti, residenti e studenti sul tema della marine litter.

Da mercoledì 2 dicembre, con l’arrivo a Marina di Camerota della Goletta Verde di Legambiente, il GAC Costa del Cilento, con la direzione di Costabile Spinelli, Sindaco di Castellabate, porta in tour la biodiversità del mare e dell’entroterra dei quindici comuni costieri presenti sulla fascia che va da Agropoli a Sapri.

Migliaia di studenti della scuole cilentane, ma anche cittadini e turisti saranno coinvolti con visite guidate a bordo della storica imbarcazione ambientalista attraverso percorsi didattici ed informativi.  Sono, inoltre, previsti mini laboratori pratici di preparazione dei piatti e degustazioni dei prodotti tipici cilentani presso il Castello dei Principi Capano a Pollica, a cura del museo vivo del mare e dell’ ecomuseo della dieta mediterranea. La Goletta Verde farà la sua prima tappa a Camerota (dal 2 al 5 dicembre) poi prosegue per Acciaroli (dal 7 al 10 dicembre); San Marco di Castellabate (dall’11 al 14 mattina) e concluderà il suo tour ad Agropoli (dal 15 al 18 dicembre). Le attività proseguiranno durante tutto il mese di dicembre anche negli altri comuni costieri cilentani.

Il marchio del Cilento è la gastronomia in particolar modo la dieta Mediterranea. Nessun itinerario che escluda dalla proposta la componente gastronomica potrà pertanto cogliere la vera essenza del territorio cilentano. Altra componente della zona sono i beni archeologici (aree archeologiche, ma anche torri, archi, castelli) immersi in aree naturalistiche di grande pregio, abbracciate dal parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano. Fondamentale per la cultura e l’economia del luogo è infine il mare, da cui non si può prescindere se si vuole scoprire il vero spirito delle comunità.

Il programma completo

Sarà promosso un turismo esperienziale, che metta al centro il fare e non solamente il vedere: il progetto si propone infatti di contribuire alla valorizzazione e promozione dell’offerta ricettiva, ricreativa, culturale ed ambientale del territorio del gruppo di Azione Costiero del Cilento attraverso l’individuazione degli itinerari turistici che valorizzino i beni e le imprese presenti in loco, il patrimonio paesaggistico-ambientale, le aree verdi e le Aree Marine protette, il patrimonio artistico, storico e culturale, compresi i musei e gli scavi archeologici, le imprese di pesca-turismo ed itto-turismo e le aziende di trasformazione dei prodotti ittici. I percorsi turistici che saranno proposti prevedono la possibilità di conoscere nel dettaglio i prodotti ittici, agricoli, turistici, artigianali attraverso la possibilità di laboratori pratico-dimostrativo di produzione e trasformazione di prodotti gastronomici locali.  I laboratori saranno tenuti da persone del luogo che racconteranno l’origine dei procedimenti e l’uso delle ricette all’interno della comunità. Un modo pratico per coltivare la memoria.

LASCIA UN COMMENTO